La Chiesa che parla, parla, parla…

DogmaTV presenta la traduzione di un articolo di don Bryan Houghton, intitolato The talking Church, apparso nel numero del giugno 1975 della rivista Christian order.

Continua a leggere “La Chiesa che parla, parla, parla…”

Pastoralismo sì,… Dottrina no!

Nella Chiesa attuale se metti in discussione la dottrina, vai bene; se metti in discussione la pastorale, non vai bene. Audio-catechesi del prof. Corrado Gnerre.

Continua a leggere “Pastoralismo sì,… Dottrina no!”

Il pastoralismo che uccide la Chiesa

In un’intervista con La Civiltà Cattolica, il futuro cardinale Mario Grech riduce la Santa Messa a una «esperienza di Dio» come le altre e sostiene che durante la pandemia sia «emerso un certo clericalismo, anche via social». Il vescovo maltese fa confusione pure sulla Parola e sul rapporto famiglia-Chiesa. Ma così svilisce liturgia e sacerdozio.

di Stefano Fontana (06-11-2020)

Il pastoralismo sta corrodendo la Chiesa, la decentra, la proietta fuori di sé al punto da farle dimenticare cose per essa essenziali. La Chiesa di oggi è malata di pastoralismo, diventato ormai l’ideologia dei vertici ecclesiastici. In questo modo essi finiscono sempre per rovesciare le cose da come sono in realtà a come appaiono alla nuova ideologia. Si crede di liberare la Chiesa dal dottrinarismo e invece la si asservisce al mondo, perché le impediscono di guardarlo dal di sopra e dal di fuori.

Il vescovo maltese Mario Grech (nella foto a lato), futuro cardinale e segretario del Sinodo dei Vescovi in sostituzione di Lorenzo Baldisseri, ha dato un’altra prova della nuova scolastica pastoralista in un’intervista per La Civiltà Cattolica pubblicata nel numero ora in distribuzione. Il tema è la Chiesa dopo la pandemia.

Molti fedeli hanno sofferto per la sospensione delle Sante Messe e per la chiusura delle chiese per disposizioni governative. La Santa Messa e la liturgia eucaristica sono il cuore della vita cristiana. Nessun fedele ha mai pensato che la celebrazione della Messa da parte del sacerdote fosse una forma di clericalismo. Nemmeno le Messe in streaming, ove realizzate, sono state considerate dai fedeli una forma di esibizionismo pretesco, una pretesa di monopolio clericale del contatto con il mistero. Monsignor Grech, invece, pensa che durante la pandemia sia “emerso un certo clericalismo, anche via social”. “Abbiamo assistito ad un grado di esibizionismo e pietismo che sa di magia” e “tante iniziative pastorali in questo periodo sono state incentrate attorno alla figura del presbitero da solo”. Per lui questa fissazione sulla Santa Messa e sui Sacramenti è una forma di clericalismo che impedisce di cogliere “che c’erano altri modi attraverso i quali abbiamo potuto fare esperienza di Dio”: l’emergenza “ha trasformato i reparti ospedalieri in altre cattedrali”.

Ci si è chiesti, durante le restrizioni della liturgia, come mai la Chiesa si fosse subito inchinata alle disposizioni governative e solo qualche sparuto vescovo, come monsignor Giovanni D’Ercole, avesse protestato e rivendicato il “diritto alla Santa Messa”. Il motivo è che ormai la grande maggioranza dei pastori, e soprattutto coloro che sono stati chiamati ai vertici della gerarchia, oggi la pensano come il futuro cardinale Grech, per il quale la Santa Messa è solo una “esperienza di Dio”. Beh, se è così, allora è vero che, come dice lui, un’esperienza di Dio si possa fare anche altrove e che tutti gli ambiti del mondo, e non solo le corsie d’ospedale, possano essere considerati luoghi in cui si fa esperienza di Dio, una chiesa, un altare, una liturgia eucaristica. Questo dice il pastoralismo e per questo sta uccidendo la Chiesa.

Durante i divieti liturgici, l’essenza della Messa sembra essere diventata la fratellanza sperimentata tenendo le distanze e indossando la mascherina: si andava a Messa per indossare la mascherina, non si indossava la mascherina per andare a Messa. Il precetto domenicale consisteva nel mantenere il distanziamento sociale.

Sempre sulla Messa, il futuro cardinale dice anche un’altra cosa strabiliante: “Circa la Parola, poi, dobbiamo auspicare che questa crisi, i cui effetti ci accompagneranno a lungo, possa essere un momento opportuno per noi, come Chiesa, per riportare il Vangelo al centro della nostra vita e del nostro ministero”. La mancanza della Parola eucaristica sarebbe quindi occasione per riappropriarsi meglio della Scrittura. Nemmeno un protestante arriverebbe a tanto. A ciò porta il pastoralismo: leggere il Vangelo a casa sarebbe più importante di sentirlo proclamare e spiegare in Chiesa nella liturgia della Parola e, soprattutto, assumerlo nelle Specie eucaristiche come reale Parola Incarnata, Morta e Risorta.

Ed eccoci ora al tema della famiglia. Secondo il vescovo quasi cardinale Grech, durante la pandemia la famiglia è diventata Chiesa anche in senso liturgico. Essa è in sé Chiesa domestica, e ora lo è diventata anche nella liturgia, tanto che “chi, durante questo periodo nel quale la famiglia non ha avuto l’opportunità di partecipare all’Eucarestia, non ha colto l’occasione per aiutare le famiglie a sviluppare il loro potenziale proprio, ha perso un’occasione d’oro”. È stato certamente opportuno suggerire la preghiera in famiglia, data l’assenza della liturgia eucaristica, ma la famiglia non ha nessun “potenziale proprio” che la possa assimilare alla celebrazione della Santa Messa.

La famiglia è “Chiesa domestica” perché c’è la Chiesa che celebra la liturgia eucaristica, il vescovo Grech invece pensa che la Chiesa ci sia perché ci sono le famiglie e che “non è la famiglia ad essere sussidiaria alla Chiesa ma la Chiesa ad essere sussidiaria alla famiglia”, usando il principio di sussidiarietà in modo assolutamente inaccettabile. In ambito civile lo Stato è sussidiario alla famiglia perché le famiglie vengono prima dello Stato, ma in ambito ecclesiale niente viene prima della Chiesa, che non è l’assemblaggio di varie Chiese domestiche. Il motivo per cui il vescovo Grech insiste sulle potenzialità liturgiche della famiglia è di valorizzare il sacerdozio universale e quindi anche dei genitori, finendo per porlo sullo stesso piano di quello ordinato.

Secondo Grech, dopo la pandemia sarebbe un suicidio tornare alla vecchia pastorale incentrata su Messa e Sacramenti. Ma io non ci credo.

(Fonte: LaNuovaBQ)


IMPORTANTE E URGENTE

Carissimi amici,

un familiare di un membro della nostra redazione è risultato positivo al covid-19, quindi tutta la famiglia è in quarantena. Grazie a Dio i sintomi sono lievi.

Naturalmente, prima di tutto, vi chiediamo di pregare con noi per loro affinché possano guarire presto e vivere con fede cristiana questo momento di prova. Inoltre, se potete, vi domandiamo di aiutarci a racimolare un piccolo regalo economico che sarà loro utile.

Grazie a tutti e che il Signore, per intercessione della Madonna, vi ricompensi cento volte tanto, soprattutto per le preghiere.

Clicca sul pulsante per la donazione con paypal o carta di credito.

Galli della Loggia e il pontificato ideologico. Ha ragione

Papa Francesco fa ideologia e non politica, si distanzia dalla Dottrina sociale della Chiesa e ha creato una frattura con il Magistero sociale che va da Leone XIII a Giovanni Paolo II. Sul Corriere della Sera, lo storico laico Galli della Loggia traccia un ritratto impietoso di questo pontificato, cogliendo alcuni punti critici che dovrebbero essere ormai evidenti.

Continua a leggere “Galli della Loggia e il pontificato ideologico. Ha ragione”

Chiesa, abbiamo un problema: l’episcopato

La Chiesa italiana ha un problema: il suo episcopato. I fatti che stanno accadendo rivelano un’afasia dei vescovi su cose fondamentali, un’incertezza e una superficialità sul proprio ruolo impressionanti: polizia in chiesa, Messe interrotte, aborti che continuano. Le conferenze episcopali soffocano i vescovi, la teologia è insufficiente, la formazione è inadeguata e spesso fuorviante e troppe nomine avvengono con criteri solo pastoralisti.

Continua a leggere “Chiesa, abbiamo un problema: l’episcopato”

Il nuovo paradigma amazzonico-germanico e l’ambiguità come metodo

Quella che oggi sta dominando il mondo, ed è entrata anche nella Chiesa, è una falsa «sapienza», che è «di questo mondo». Oggi la chiamiamo normalmente ideologia. Si tratta di un pensiero imposto come l’unico pubblicamente permesso dai «dominatori di questo mondo».

Continua a leggere “Il nuovo paradigma amazzonico-germanico e l’ambiguità come metodo”

Il Vaticano II e l’abuso della pastorale

Nel momento stesso in cui il Vaticano II si dichiarò “pastorale” introdusse una nota di sfiducia nei confronti della dottrina, perché in realtà nulla è più pastorale della dottrina stessa, nulla è più pastorale del dogma che guida e orienta le pecore.

Concilio Vaticano II

Il predominio della visione pastorale è un frutto del Concilio Vaticano II. In quel concilio “pastorale” si insinuò la sfiducia nei confronti della dottrina, ritenuta non al passo con i tempi. Il Vaticano II non può essere considerato l’origine di tutti i problemi, ma certamente lì alcuni problemi esplosero e ciò che noi oggi viviamo è diretta conseguenza di quanto avvenne in quella stagione conciliare.

View original post 1.756 altre parole

Amoris laetitia, esortazione rivoluzionaria

L’Amoris laetitia costituisce un’autentica rivoluzione, rispetto alla tradizione e al magistero precedente. Presentandosi come documento di natura pastorale piuttosto che dottrinale sembra quasi voler rassicurare. In realtà è rivoluzionaria proprio perché privilegia la pastorale sganciandola dalla dottrina e, mettendo in primo piano la prassi, relativizza l’idea di verità.

Continua a leggere “Amoris laetitia, esortazione rivoluzionaria”

Video. Guido Vignelli: Il Vaticano II e la rivoluzione pastorale

XXXII Convegno della Tradizione Cattolica Civitella del Tronto 2019. Conferenza del giornalista Guido Vignelli sulla rivoluzione pastorale del Concilio Vaticano II.