Apostasia, lobby gay e spinta per la dissoluzione della morale cattolica

La deriva attuale nasce dalla separazione di sesso e fertilità, che evidentemente è diventata una prassi anche nella Chiesa. E guarda caso teologi e vescovi a favore della comunione ai divorziati risposati sono anche per la contraccezione, la fecondazione artificiale, alle unioni gay e sono muti sull’aborto. ma la valanga non si può fermare all’ambito morale: in discussione ci sono anche la Resurrezione, la transustanziazione eucaristica…

Continue reading “Apostasia, lobby gay e spinta per la dissoluzione della morale cattolica”

La stantia teologia anni ’70 di certi preti “giovani”

I “nipotini” dei sessantottini crescono e fanno danni.

Continue reading “La stantia teologia anni ’70 di certi preti “giovani””

Il Grillo “sparlante” e il cardinale “trombone”

Riccardo Cascioli e Marco Tosatti commentano le violente esternazioni di Andrea Grillo e del cardinale Oscar Rodriguez Maradiaga.

Continue reading “Il Grillo “sparlante” e il cardinale “trombone””

Le (non) virtù di papa Francesco

A costo di comparire nuovamente in una delle liste di proscrizione stilate dai nuovi papisti proveremo ad analizzare alcune delle evidenti virtù di papa Bergoglio.

Continue reading “Le (non) virtù di papa Francesco”

Come mandare in tilt l’ateologo…

Le disavventure serali di un (a)teologo progressista.

Continue reading “Come mandare in tilt l’ateologo…”

La “nuova Chiesa del popolo” dei neo-papisti

Contestazione per il cardinale Muller a Trieste, insulti ai cardinali dei Dubia. L’aria si fa sempre più pesante nella Chiesa, e si capisce il perché: i “papisti” e censori di oggi (vedi Melloni e Bianchi) sono gli stessi che contestavano apertamente san Giovanni Paolo II nel 1989. Della Chiesa e dell’unità intorno al Papa non gliene frega niente, pensano solo a fare avanzare la loro idea di “nuova Chiesa”.

Continue reading “La “nuova Chiesa del popolo” dei neo-papisti”

Si può parlare di “bergoglismo”?

Adottiamo per utilità d’espressione il termine evocativo di “bergoglismo”, non per intendere quanto Jorge Mario Bergoglio ha detto o scritto prima e dopo l’elezione a Romano Pontefice, quanto per connotare una corrente ideologico-pastorale che oggi ha de facto in papa Bergoglio la sua più visibile espressione ma che parla attraverso mille voci riconducibili a nomi noti.

Continue reading “Si può parlare di “bergoglismo”?”