Accompagnare senza convertire: è il turno dei vescovi belgi

La visita ad limina è ormai il pretesto per avallare il ribaltamento di fede e morale a suon di pacche (romane) sulla spalla. Per sdoganare la benedizione delle coppie omosessuali il cardinal De Kesel si appoggia alle parole del preside dell’Istituto Giovanni Paolo II in nome di un’apertura a tutto, tranne alla conversione.

Continua a leggere “Accompagnare senza convertire: è il turno dei vescovi belgi”

Il Sinodo tedesco va avanti nonostante Roma

Dopo l’incontro romano sul Cammino sinodale tedesco, i vescovi tedeschi rifiutano la moratoria chiesta dal cardinale Ouellet sulle proposte che intendono ribaltare la morale e il sacerdozio. E intanto gli 800mila dipendenti della Chiesa tedesca non dovranno più sottoscrivere un codice morale.

Continua a leggere “Il Sinodo tedesco va avanti nonostante Roma”

Francesco è ciò che ci meritiamo per aver tollerato gli errori del Vaticano II

Le deviazioni presenti in Francesco con tanta evidenza erano già contenute, sia pure in modo più velato e attraverso l’uso di espressioni apparentemente in linea con la retta dottrina cattolica, in Benedetto XVI.

Continua a leggere “Francesco è ciò che ci meritiamo per aver tollerato gli errori del Vaticano II”

Il vescovo “vandalo” saccheggia la Scrittura per dire sì all’aborto

A 99 anni suonati il vescovo emerito di Ivrea Bettazzi si inventa il concetto di pre-uomo per giustificare l’aborto, saccheggiando la Genesi, forzando il concetto di “soffio di Dio” e sovvertendo la concezione millenaria della Chiesa sul tema. Gli fa eco sulla rivista Rocca il teologo Piana che gli dà ragione perché l’insegnamento della Chiesa non deve essere “mummificato”. L’ennesima finestra di Overton, stavolta su uno dei pochi punti morali rimasti in piedi in questo pontificato.

Continua a leggere “Il vescovo “vandalo” saccheggia la Scrittura per dire sì all’aborto”

La mafia di San Gallo: il piano per sovvertire la Chiesa

Un testo che ha già destato clamore in America ricostruisce la trama di un progetto orchestrato sin dagli anni ’90 da un gruppo di cardinali che miravano a un cambiamento dottrinale e morale. Puntavano sul primate argentino, che ora è divenuto Papa, e i loro propositi sembrano pienamente in atto.

Continua a leggere “La mafia di San Gallo: il piano per sovvertire la Chiesa”

Papa Francesco tra Asti e Torino, voci (incredibili) di avvicendamenti

Secondo rumors della curia romana Repole sarebbe in predicato di assumere la guida del dicastero per la dottrina della fede. Al suo posto arriverebbe dalla città del Palio monsignor Prastaro. Fantapolitica ecclesiale? Chissà, con Bergoglio non si può mai dire.

Continua a leggere “Papa Francesco tra Asti e Torino, voci (incredibili) di avvicendamenti”

Vescovi tedeschi: il Papa diserta l’incontro con la Curia

Non deve essere stato facile l’incontro tra la Conferenza episcopale tedesca e i capi dicastero per discutere del controverso e radicale cammino sinodale in Germania. Il vero giallo è l’assenza del Papa, ma non è sfuggita la familiarità che ha mostrato anche giovedì scorso nei confronti del cardinal Marx.

Continua a leggere “Vescovi tedeschi: il Papa diserta l’incontro con la Curia”

Vaticano, la grande cospirazione: chi ha pilotato l’elezione del Papa

San Gallo è una cittadina svizzera, di cui nel 1996 era vescovo mons. Ivo Fürer, che era stato, fino all’anno precedente, segretario generale della Conferenza dei vescovi europei. D’accordo con il cardinale Carlo Maria Martini, arcivescovo di Milano, mons. Fürer decise di invitare un gruppo di prelati, per stabilire un’agenda di lavoro per la Chiesa del futuro.

Continua a leggere “Vaticano, la grande cospirazione: chi ha pilotato l’elezione del Papa”

L’assoluzione non è un diritto assoluto

Le recenti parole di papa Francesco in un intervento a braccio, in cui dà dei “delinquenti” ai preti che non assolvono sempre, negano quanto la Chiesa ha sempre prescritto: ci sono dei casi in cui il sacerdote ha il dovere di negare o differire l’assoluzione: si nega quando non c’è reale pentimento, si differisce quando vi sono dubbi fondati al riguardo.

Continua a leggere “L’assoluzione non è un diritto assoluto”