Il “Partito di Sant’Egidio” e la trappola dell’umanesimo

Ufficializzata la nascita del partito DemoS, che nasce su ispirazione della Comunità di Sant’Egidio. Rappresenta il progressismo cattolico a sostegno del PD, ultimo tassello di una lunga storia che inizia con Dossetti ed arriva fino a Mattarella. È il dramma di una concezione per cui la fede cattolica non genera civiltà.

Continua a leggere “Il “Partito di Sant’Egidio” e la trappola dell’umanesimo”

Da icona a reprobo: che incoerenza ecclesiale su Bianchi

Il Domani svela una lettera di Parolin ai vescovi che chiama le diocesi a non invitare Enzo Bianchi. L’ex “priore” di Bose è da isolare non perché abbia espresso una teologia pericolosa, ma per comportamenti inadatti non specificati. Eppure, quando diocesi e editrici cattoliche facevano a gara per contendersi le sue affermazioni eterodosse, dalla Chiesa ufficiale non arrivava nessuno stop.

Continua a leggere “Da icona a reprobo: che incoerenza ecclesiale su Bianchi”

Il Vaticano alla CEI: Non invitate più Enzo Bianchi

A gennaio, con una lettera riservata, il segretario di Stato ha invitato in modo “pressante” i vescovi a valutare “se sia opportuno affidare la predicazione” all’ex priore di Bose, responsabile di “comportamenti gravi”.

Continua a leggere “Il Vaticano alla CEI: Non invitate più Enzo Bianchi”

«ll cammino sinodale tedesco ripudia il Depositum fidei»

Il cammino sinodale sembrerebbe infatti andare oltre l’obiettivo di fornire una riflessione all’interno di una esperienza ecclesiale e spirituale basata sulla dottrina della Chiesa, è la drammatica denuncia di mons. Samuel Aquila, arcivescovo di Denver.

Continua a leggere “«ll cammino sinodale tedesco ripudia il Depositum fidei»”

Se un prete “sinodale” fosse medico

Prendete un sacerdote, un vescovo o un cardinale secondo lo spirito di oggi e traducete nella prassi medica ciò che, nella maggior parte dei casi, dice e fa: il risultato sarà paradossale, come tentiamo di illustrare in questa storiella…

Continua a leggere “Se un prete “sinodale” fosse medico”

Lo scisma nella Chiesa c’è, ma non lo si vuole ammettere

Con le tesi del Sinodo tedesco si torna a parlare di scisma nella Chiesa, ma in questi anni Magistero e teologia hanno fatto sì che sia venuto meno il confine tra ciò che è vero e immutabile e ciò che non è accettabile. L’accordo Vaticano-Cina, il cambiamento del Catechismo sulla pena di morte, l’abolizione del “male intrinseco” in Amoris Laetitia, sono tre passaggi decisivi che minano le verità su cui è fondata la Chiesa.

Continua a leggere “Lo scisma nella Chiesa c’è, ma non lo si vuole ammettere”

Segni scorraggianti per il sinodo sulla sinodalità

Il sinodo sulla sinodalità rischia di diventare un progetto di un infruttuoso guardarsi fissamente l’ombelico.

Continua a leggere “Segni scorraggianti per il sinodo sulla sinodalità”

Ideologico e statalista: il solito 25 aprile dossettiano

Ideologia della Resistenza, costituzionalismo, statalismo: il modo in cui ancora oggi si festeggia in Italia il 25 aprile può essere definito “dossettiano”. I tanti errori che fece: non vide che il fascismo come male assoluto era la scusa per legittimare il comunismo nel nostro Paese tramite la retorica della “salute nazionale”. A farne le spese fu l’etica della politica, con i dossettiani che in Parlamento scelgono sistematicamente la fedeltà alle procedure istituzionali piuttosto che i principi della legge morale naturale e della fede cattolica.

Continua a leggere “Ideologico e statalista: il solito 25 aprile dossettiano”

Spagna, morto gesuita con strane idee su Sacramenti e Paradiso

Lo scorso 15 aprile è morto il gesuita spagnolo Joaquín María García de Dios Domínguez, aveva novant’anni. Nell’annuncio funebre, pubblicato sul quotidiano La Voz de Galicia, una sua cara amica riporta alcune sue strane idee, chiamiamole così, sui Sacramenti e sull’esistenza del Paradiso.

Continua a leggere “Spagna, morto gesuita con strane idee su Sacramenti e Paradiso”