Avvenire e il fascino per chi vuole lo sterminio dell’umanità

Il quotidiano dei vescovi italiani esalta il Club di Roma e il suo rapporto di 50 anni fa I limiti dello sviluppo, ovvero l’ideologia neo-malthusiana corresponsabile dell’uccisione di centinaia di milioni di bambini in tutto il mondo. Ma alla CEI qualcuno si rende conto di cosa pubblica Avvenire? E i vescovi sparsi per l’Italia, consapevoli di questa deriva culturale, perché non ne chiedono conto?

Continua a leggere “Avvenire e il fascino per chi vuole lo sterminio dell’umanità”

A Don Manuel Belli non piacciono i “riti tristi”. Ma perché mai il rito dovrebbe essere “gioioso”?

Don Manuel Belli, sacerdote della diocesi di Bergamo, insegnante di teologia sacramentaria, s’interroga in “L’epoca dei riti tristi” sulle diserzioni che si verificano alle assemblee eucaristiche, specialmente da parte dei giovani.

Continua a leggere “A Don Manuel Belli non piacciono i “riti tristi”. Ma perché mai il rito dovrebbe essere “gioioso”?”

Liturgia a cipolla: Francesco e il nervosismo per la forma

Il discorso di Francesco sulla liturgia lascia trasparire nervosismo e un’avversione verso la forma liturgica scambiata per formalismo: ma è l’uomo che deve lasciarsi ri-formare dalle forme della liturgia. Perché non si accetta che nella liturgia la forma è sostanza? La liturgia odierna ha fatto la fine della cipolla: togli uno strato e poi un altro. Non ci è rimasto più nulla.

Continua a leggere “Liturgia a cipolla: Francesco e il nervosismo per la forma”

I criteri di Francesco nel nominare o cacciare i vescovi. Un campionario

Papa Francesco ha un criterio tutto suo nella scelta dei vescovi. Per questo è facile perdere le sue “grazie”.

Continua a leggere “I criteri di Francesco nel nominare o cacciare i vescovi. Un campionario”

Video. In principio la Verità, dopo procede la Carità. “Iota unum” di Romano Amerio

Vi consigliamo la lettura di Iota unum di Romano Amerio (1905-1997), il capolavoro con cui il grande filosofo italo-svizzero analizzava le variazioni nella Chiesa cattolica avvenute negli ultimi 50-60 anni, individuandone la causa nell’eresia trinitaria che egli ha definito «dislocazione della Divina Monotriade». Di cosa si tratta?

Mons. Bux: «La vera pace passa solo dall’annuncio del Vangelo»

Il rapporto ecumenico tra Santa Sede e Patriarcato di Mosca messo in crisi dalla guerra in Ucraina: «È il fallimento di un ecumenismo fondato su incontri e passerelle, sul tentativo di limare le differenze. Giovanni Paolo II invece puntava ad andare alle radici delle diverse tradizioni e culture per trovare l’unità nella fonte di tutti, Cristo e il Vangelo». «Compito della Chiesa non sono le battaglie sull’ambiente e la pace, ma l’evangelizzazione, perché solo Gesù cambia il cuore dell’uomo. E se cambia il cuore dell’uomo, cambia il mondo». Parla il teologo monsignor Nicola Bux.

Continua a leggere “Mons. Bux: «La vera pace passa solo dall’annuncio del Vangelo»”

Da icona a reprobo: che incoerenza ecclesiale su Bianchi

Il Domani svela una lettera di Parolin ai vescovi che chiama le diocesi a non invitare Enzo Bianchi. L’ex “priore” di Bose è da isolare non perché abbia espresso una teologia pericolosa, ma per comportamenti inadatti non specificati. Eppure, quando diocesi e editrici cattoliche facevano a gara per contendersi le sue affermazioni eterodosse, dalla Chiesa ufficiale non arrivava nessuno stop.

Continua a leggere “Da icona a reprobo: che incoerenza ecclesiale su Bianchi”

Il Vaticano alla CEI: Non invitate più Enzo Bianchi

A gennaio, con una lettera riservata, il segretario di Stato ha invitato in modo “pressante” i vescovi a valutare “se sia opportuno affidare la predicazione” all’ex priore di Bose, responsabile di “comportamenti gravi”.

Continua a leggere “Il Vaticano alla CEI: Non invitate più Enzo Bianchi”