Gesuiti, quel “di più” sulla Dottrina che viene dal Maligno

Se il gesuita omoretico James Martin parlerà di integrazione, di accoglienza, di accompagnamento e di discernimento la dottrina non verrà formalmente negata ma verrà messa da parte con un “sì, ma”. Ma mettere da parte la dottrina e fare come se essa non fosse vuol dire cambiarla (senza dirlo).

Continua a leggere “Gesuiti, quel “di più” sulla Dottrina che viene dal Maligno”

1789-1968: come il mondo ha smesso di essere cristiano

Dalla Rivoluzione francese al Concilio Vaticano II: come il nostro mondo ha smesso di essere cristiano.

Continua a leggere “1789-1968: come il mondo ha smesso di essere cristiano”

Il cardinale Burke e le miserie dell’Avvenire

Ennesima pagina nera di Avvenire: dopo un articolo calunnioso di Gianni Gennari, il cardinale Burke scrive al giornale e chiede di ristabilire la verità. Per tutta risposta si becca altri insulti dal direttore Marco Tarquinio, che ancora una volta manipola le parole del cardinale. E questa sarebbe la voce dei vescovi italiani.

Continua a leggere “Il cardinale Burke e le miserie dell’Avvenire”

Teologia della liberazione: marxismo per i cristiani

Nonostante recenti incursioni della Teologia della liberazione in Italia, di questa ideologia di estrema sinistra, punto di riferimento del sotto l’egida dell’attuale pontificato, pochi italiani conoscono le fondamenta Partito dei Lavoratori brasiliano.

Continua a leggere “Teologia della liberazione: marxismo per i cristiani”

Nozze e preti gay: il catalogo omoeretico di James Martin SJ

Agli omosessuali non serve la dottrina sulla castità; matrimonio gay come atto di amore; i cattolici che contestano l’omosessualità sono omofobi; necessario ordinare preti gay. Sono alcune delle “perle” omoeretiche del gesuita James Martin, invitato a parlare al Dublino al Meeting delle famiglie.

Continua a leggere “Nozze e preti gay: il catalogo omoeretico di James Martin SJ”

Gnosticismo, antica eresia. Ma ecco come ricompare oggi

Vi sono però due epiteti che papa Francesco applica spesso ai suoi avversari interni alla Chiesa, ma che sono incomprensibili ai più: “gnostico” e “pelagiano”. Non solo. Anche i pochi che conoscono il significato originario di questi due epiteti trovano che tante volte Jorge Mario Bergoglio li adopera all’opposto di ciò che vogliono dire.

Continua a leggere “Gnosticismo, antica eresia. Ma ecco come ricompare oggi”

Il problema dell’8×1000 alla CEI

Ormai prossimi alle dichiarazioni dei redditi, anche quest’anno per molti cattolici si pone il problema in coscienza dell’8×1000. Che fare? Firmare o no per la Chiesa Cattolica? Sempre più fedeli, infatti, si rendono conto che l’8×1000 alla Chiesa Cattolica va a finanziare non l’azione evangelizzatrice voluta da Nostro Signore ma quella CEI che sempre più si dimostra organizzazione ideologica e strumento italiano di quella autodemolizione che sta da decenni funestando la Chiesa.

Continua a leggere “Il problema dell’8×1000 alla CEI”

Omoeresia al potere, la Gerarchia cede anche sulla famiglia

All’Incontro mondiale delle famiglie che si svolgerà a Dublino in agosto, parola anche a padre Martin e alle sue rivendicazioni Lgbt. Un segnale chiaro che capovolge il significato di questi incontri che san Giovanni Paolo II aveva voluto per riaffermare l’unicità e insostituibilità della famiglia naturale, fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna.

Continua a leggere “Omoeresia al potere, la Gerarchia cede anche sulla famiglia”

La nouvelle théologie: eresia del secolo XX

La Nouvelle Théologie fu l’erede diretta del Modernismo.

Continua a leggere “La nouvelle théologie: eresia del secolo XX”

I vescovi polacchi “sbianchettano” la Comunione ai risposati

I vescovi polacchi presentano l’atteso documento pastorale sull’Amoris Laetitia. Emerge un’assenza: non si parla di ammissione dei divorziati-risposati, la cui prima unione è ancora valida, ai sacramenti. Una prima bozza di lavoro, nell’ottobre dell’anno scorso, era però molto categorica e fu infatti avversata dal nunzio apostolico.

Continua a leggere “I vescovi polacchi “sbianchettano” la Comunione ai risposati”