In evidenza

La carità al tempo del Coronavirus

La pandemia del Coronavirus è scoppiata proprio in concomitanza della Quaresima, tempo forte di preghiera, penitenza e di carità. Quindi non dimentichiamo di aiutare quelli che sono in difficoltà per vari motivi, per quanto è nelle possibilità di ognuno di noi. Vi suggeriamo alcune donazioni. Grazie e che Dio vi ricompensi cento volte tanto.


DONARE ALLA PROTEZIONE CIVILE

Fin dall’inizio dell’emergenza epidemiologica del virus COVID-19 lo slancio solidale è stato molto forte e partecipato. Per questo motivo – come previsto nell’ambito del Decreto Legge “Cura Italia” – il Dipartimento della Protezione Civile ha aperto un conto corrente bancario dedicato. Le donazioni possono essere effettuate tramite bonifico sia dall’Italia sia dall’Estero usando le seguenti coordinate bancarie:

Banca Intesa Sanpaolo SpA
Filiale di Via del Corso, 226 – Roma
IBAN: IT84 Z030 6905 0201 0000 0066 387
BIC: BCITITMM


RACCOLTA FONDI DELLA NOSTRA REDAZIONE

Carissimi amici, visitatori e commentatori del Blog, ogni mese la nostra Redazione cerca di aiutare coloro che si rivolgono a noi per un aiuto non solo spirituale ma pure economico. Questo mese anche un membro della nostra Redazione è in difficoltà lavorativa. Vi chiediamo di aiutarci ad aiutare tutti coloro che si affidano non solo alle nostre preghiere ma anche ad un aiuto economico della nostra Redazione. Ogni piccolo – grande – contributo è prezioso, come l’obolo della vedova. Vi porgiamo i nostri ringraziamenti e che il Signore vi ricompensi cento volte tanto in questa e nell’altra vita. PS: Per chi volesse avere maggiori informazioni ci scriva qui.

Clicca sul pulsante per la donazione con paypal o carta di credito.

 

Nell’anno della “Laudato si’” è festa per tutti, tranne che per “mi’ Signore”

Per la prima volta nella storia della Chiesa, un Papa celebra se stesso e adora non Gesù Cristo ma la “Madre Terra”.

Continua a leggere “Nell’anno della “Laudato si’” è festa per tutti, tranne che per “mi’ Signore””

Il ritorno delle Messe svela la babele liturgica

Il sacro cede alla dittatura igienista. A una settimana dalla ripresa delle Messe cum populo fedeli discriminati per il divieto di inginocchiarsi o di ricevere la comunione sulla lingua. Le misure post lockdown ribaltano la gerarchia dei precetti e svelano una babele liturgica fatta passare per normalità.

Continua a leggere “Il ritorno delle Messe svela la babele liturgica”

Catto-gay Connection, come ti promuovo l’omosessualità

Avvenire, il cardinale Zuppi, l’editrice San Paolo: tutti insieme per lanciare una nuova offensiva per la legittimazione dell’omosessualità nella Chiesa. Un libro, con la benedizione dell’arcivescovo di Bologna, che raccoglie le voci di teologi, psicologi, che spingono tutti dalla stessa parte. Con la scusa dell’accoglienza delle persone si cancella la differenza tra orientamento sessuale e atti omosessuali, spingendosi fino ad aprire a un qualche riconoscimento delle unioni gay. Ratzinger aveva avvertito già 34 anni fa: nella Chiesa una lobby gay vuole sovvertire l’insegnamento sulla sessualità.

Continua a leggere “Catto-gay Connection, come ti promuovo l’omosessualità”

Riavute le Messe “con popolo” ma… a quale prezzo? Lorefice non si smentisce

Le cronache di Papa Francesco

Stiamo seguendo da mesi, specialmente in queste ultime settimane, gli effetti dei nuovi “slogan” del tipo “RIVOGLIAMO AL MESSA A TUTTI I COSTI“, ma a quale prezzo!!! Le profanazioni e i sacrilegi al Santissimo Sacramento sono centuplicati a cominciare dal fatto che ci si preoccupa delle file per la Comunione alla Messa, ma poco e nulla di ciò che dovremo fare prima: LA CONFESSIONE!!! Dove stanno le file ai confessionali? A scanso di equivoci non ci stracciamo le vesti, ma il cuore e questo concedetecelo.

View original post 1.912 altre parole

Apologia della devozione esteriore e biasimo del fariseismo ipocrita

Serpeggia nella Chiesa, da qualche anno, un odio ingiustificato a quelle che, spregiativamente, sono indicate come “regole”. Si vuol far passare l’idea che chi ama la dottrina o la legge sia un fariseo, attaccato solo all’esteriorità del culto. Non è esattamente così: anche se è vero che tutti i farisei amano l’esteriorità, non è affatto vero il contrario e, cioè, che tutti gli amanti della dottrina siano farisei.

Continua a leggere “Apologia della devozione esteriore e biasimo del fariseismo ipocrita”

Laudato Si’, un’autocelebrazione discutibile

In occasione del quinto anniversario dell’enciclica Laudato Si’ viene lanciato l’anno dedicato all’approfondimento delle sue tematiche. Un’iniziativa discutibile, come discutibile è il contenuto dell’enciclica che si fonda su una serie di teorie scientifiche discusse. E che rappresenta una discontinuità con il magistero sociale precedente.

Continua a leggere “Laudato Si’, un’autocelebrazione discutibile”

Svizzera, la “vicaria” del vescovo, provocazioni e ambiguità

La nomina della signora Pohl-Henzen in Svizzera a vicario episcopale richiama alla mente quello che da un po’ di tempo a questa parte bolle in pentola all’interno della Chiesa cattolica: arrivare alla nomina di diaconesse, in tutto uguali ai diaconi, pur senza conferire loro l’ordine sacro.

Continua a leggere “Svizzera, la “vicaria” del vescovo, provocazioni e ambiguità”

Intesa CEI-governo “bocciata” in parrocchia

Saranno anche frutto di un accordo firmato dalla CEI e dal governo Conte, ma le linee-guida per celebrare la Santa Messa non piacciono ad un numero crescente di preti.

Continua a leggere “Intesa CEI-governo “bocciata” in parrocchia”

Se in chiesa trovi un volantino contro la comunione sulla bocca

In una parrocchia di Milano giorni fa è stato distribuito un foglietto dal parroco teso a screditare la Comunione in bocca come “usanza arcaica” che forse, grazie all’occasione offerta dalla pandemia, potrà essere eliminata per sempre.

Continua a leggere “Se in chiesa trovi un volantino contro la comunione sulla bocca”

Il silenzio della Chiesa sul lockdown è una resa ai barbari

La crisi globale del lockdown rappresenta l’assalto definitivo ai fondamenti della civiltà occidentale, costruita sui princìpi del Cristianesimo. Ma più ancora della resa della politica, del diritto e dei media ai nuovi tiranni, a impressionare è il silenzio dei leader cristiani, come se Dio non avesse nulla da dire in questa situazione: una bandiera bianca della resa che invita i barbari a prendere finalmente d’assalto le cittadelle della Cristianità.

Continua a leggere “Il silenzio della Chiesa sul lockdown è una resa ai barbari”