Ma quale cammino? Con queste premesse è un calvario sinodale

Un nuovo lungo calvario sinodale ci attende. Tre anni sinodali: prima i sinodi nazionali, poi i sinodi continentali e infine il sinodo universale, il tutto da qui al 2023. Questa nuova Chiesa democratica c’è già: l’abbiamo vista all’opera negli ultimi sinodi. Ma è una democrazia imposta con la forza e l’inganno, una democrazia pilotata dal centro. Sarà una “democrazia totalitaria”.

Continua a leggere “Ma quale cammino? Con queste premesse è un calvario sinodale”

Nuovi preti: sinodali, “moderni”, tutto ma non santi

Ripensare il sacerdozio, questo l’obiettivo del Simposio teologico internazionale progettato dalla Congregazione dei Vescovi e presentato alla stampa dal cardinale Marc Ouellet nel segno dello stare al passo coi tempi e della sinodalità. Nessuno ha parlato della “santità” del sacerdote, la quale, in fondo, è l’unica cosa che conta e che sta alla base anche della soluzione dei cosiddetti problemi concreti.

Continua a leggere “Nuovi preti: sinodali, “moderni”, tutto ma non santi”

Il “Cammino sinodale” tedesco è un cammino verso l’apostasia. Lutero non avrebbe saputo fare di meglio

La conferenza episcopale tedesca, la più ricca e potente del mondo, ha dimenticato — anzi se ne infischia — che la Chiesa appartiene solo al suo Divino Fondatore, ovvero Cristo.

Continua a leggere “Il “Cammino sinodale” tedesco è un cammino verso l’apostasia. Lutero non avrebbe saputo fare di meglio”

Papa Francesco: Il Concilio Vaticano II non si tocca

Nell’incontro di promosso dall’Ufficio catechistico nazionale della CEI, Bergoglio ha ribadito la necessità di indire un Sinodo italiano. Il pontefice argentino ha anche detto che «il Concilio è magistero della Chiesa» e aggiunto, con un possibile riferimento alle derive del Cammino sinodale tedesco, che chi non segue il Vaticano II non sta con la Chiesa.

Continua a leggere “Papa Francesco: Il Concilio Vaticano II non si tocca”

Dialogo e azione: ciò che sinodalità non è

Sul concetto di sinodalità non ci si capisce. Un tempo si pensava che la sinodalità fosse un camminare insieme credendo nelle medesime verità di fede. Oggi si pensa che la sinodalità sia un agire insieme. Il modello della sinodalità era una Chiesa monarchica, oggi è una Chiesa democratica.

Continua a leggere “Dialogo e azione: ciò che sinodalità non è”

La conferenza episcopale tedesca in cammino verso il nulla

Domenica è iniziato il Sinodo, pardon “Il cammino sinodale”, della Chiesa tedesca: durerà due anni e i temi ormai sono noti. Ma è interessante soprattutto capire il perché di questo lungo cammino: scopo del Sinodo è lo stesso processo sinodale, è il principio della rivoluzione. L’esito? Il nulla, in cui la Chiesa tedesca è già immersa.

Continua a leggere “La conferenza episcopale tedesca in cammino verso il nulla”

La “sinodalità” mascherata

Secondo il giornalista americano George Weigel, biografo e amico di Giovanni Paolo II, la “sinodalità” altro non è una trappola per far avanzare l’agenda cattoprogressista.

Continua a leggere “La “sinodalità” mascherata”

Quella strisciante antipatia verso la Dottrina

Papa Francesco ha firmato e fatto pubblicare l’esortazione apostolica post-sinodale Christus vivit da cui emerge ancora una volta un inquietante aspetto: l’antipatia nei confronti dei contenuti dottrinali e morali.

Continua a leggere “Quella strisciante antipatia verso la Dottrina”

Da Martini a Bergoglio. Verso un Concilio Vaticano III

Come il gesuita Carlo Maria Martini anche il confratello Jorge Mario Bergoglio batte e ribatte sullo “stile” con cui la Chiesa dovrebbe affrontare tali questioni. Uno “stile sinodale” permanente, ossia “un modo di essere e lavorare insieme, giovani e anziani, nell’ascolto e nel discernimento, per giungere a scelte pastorali rispondenti alla realtà”.

Continua a leggere “Da Martini a Bergoglio. Verso un Concilio Vaticano III”

Il card. Burke: «Lo scisma è un male. Viganò? Va ascoltato»

Il cardinal Burke ha affermato che la nostra era «è tra le peggiori se non la peggiore» per la Chiesa, simile a quella in cui san Pier Damiani denunciò l’omosessualità nel clero: se McCarrick ha vissuto una vita di abusi è perché è stato «protetto». Viganò «si è sentito obbligato in coscienza a parlare: la legge di Dio in queste materie è più alta del segreto pontificio». L’ultimo sinodo? «Problematico, ma non è magistero».

Continua a leggere “Il card. Burke: «Lo scisma è un male. Viganò? Va ascoltato»”