Chiesa cattolica, dove sei? Il grido di un missionario di frontiera

“Ormai non è più possibile dubitare su dove ci sta portando chi governa la Chiesa: ad un punto in cui chi è vivo deve per forza reagire. Per quanto tempo ancora possiamo stare in silenzio?”: domanda padre missionario che da una vita è in frontiera a migliaia di miglia da Roma, che lui, intanto, il silenzio l’ha rotto. Con queste sue sedici folgoranti riflessioni.

di Sandro Magister (18-03-2019)

Un padre missionario che da una vita è in frontiera a migliaia di miglia da Roma mi scrive: “Ormai non è più possibile dubitare su dove ci sta portando chi governa la Chiesa: ad un punto in cui chi è vivo deve per forza reagire. Per quanto tempo ancora possiamo stare in silenzio?”. Ma intanto lui il silenzio l’ha rotto. Con queste sue sedici folgoranti riflessioni.

***

Convertirsi… a che cosa?

1. Ormai è chiaro. La Chiesa cattolica non è più la stessa di come era prima del 2013. E voglio proprio vedere se qualcuno riesce a definire che cos’è la Chiesa cattolica oggi.

2. Tanto più mi pongo questo problema perché la cosa mi tocca personalmente. Se devo presentare la Chiesa a chi è al di fuori, anzitutto ho bisogno di sapere a che tipo di Chiesa appartengo. E in secondo luogo, che cosa devo dire?

3. Noi che viviamo in paesi di missione, dove ci sono tante religioni più o meno in armonia, prima che per la dottrina e le teorie ci distinguiamo per la vita pratica, per i costumi, le leggi, le usanze, gli obblighi.

Ad esempio, i musulmani non mangiano maiale, fanno la circoncisione, osservano il digiuno del Ramadan, possono divorziare e risposarsi più volte, possono avere due o più mogli, pregano cinque volte al giorno in special modo di venerdì, ecc.

Gli indù non mangiano carne bovina, digiunano prima di alcune feste, le donne si sposano una sola volta anche se muore il marito, onorano un gran numero di divinità, cremano i loro morti, ecc.

E i cristiani cattolici? Almeno fino a qualche tempo fa potevano sposarsi una volta sola fino alla morte di uno dei coniugi, i loro preti e suore dovevano restare celibi e nubili, ubbidivano al papa, erano devoti alla Madonna e ai santi, non credevano agli stregoni e agli spiriti, non facevano sacrifici animali, in chiesa uomini e donne pregavano assieme, mangiavano qualsiasi tipo di carne e di pesce, alla domenica avevano l’obbligo di riposare e di andare a messa, ecc.

4. Gesù risorto ha mandato gli apostoli a battezzare tutte le genti della terra nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Ed è così che il cristianesimo si è diffuso ed ha plasmato i costumi, le leggi e le usanze di civiltà intere. Tutto questo ha portato come frutto tanti martiri e santi e ha permesso a molti di avere esperienze mistiche e di farci partecipi di lampi di paradiso.

5. Per avere tutti questi doni e queste grazie, quante persone si sono convertite e hanno abbandonato con tante privazioni le loro comunità d’origine e il loro modo di vivere!

6. Ma adesso io come missionario non so più di preciso che cosa sia la Chiesa cattolica. E da quando vedo che il papa, i cardinali, i vescovi gradualmente e inesorabilmente tollerano l’adulterio, approvano la sodomia, benedicono i matrimoni omosessuali, ammettono la parità di salvezza con le altre religioni… a quale conversione devo invitare gli altri?

7. La stessa cosa vale anche per qualsiasi persona in Occidente che magari è atea o miscredente. Per quale motivo dovrebbe convertirsi e accettare la nostra fede se professiamo tutte queste cose? Capisco adesso alcune frasi del papa che dice che non si deve fare proselitismo. Ci vuole del gran coraggio per cercare di convincere la gente a credere a queste aberrazioni.

8. Per fortuna i nostri vescovi qui in missione non parlano di tutte le bizzarrie che si discutono a Roma. L’unica novità è che adesso rendono un po’ più facili i processi di nullità dei matrimoni, nonostante la gente non accetti ciò tanto volentieri, dato che hanno imparato che il matrimonio non si deve sciogliere in nessun caso.

9. Il rischio è che si arrivi allo scandalo che, in questo come in altri paesi di missione, solo i cristiani, protestanti e cattolici, approvino l’adulterio e la sodomia. Tra i musulmani e gli indù, infatti, l’adulterio (cioè una relazione al di fuori del matrimonio) è un crimine che viene punito a livello comunitario e civile. La sodomia è considerata atto gravissimo ed è oggetto di riprovazione. La poligamia dei musulmani non c’entra nulla con l’adulterio perché è un contratto sociale sancito dal rito del matrimonio, con tutti gli obblighi di mantenimento delle mogli e di cura dei figli.

10. Il tragicomico della cosa è che in altre religioni, pur senza conoscere il Vangelo, non mancano norme morali solide e fondate sul buon senso e sulla natura, mentre adesso il cristianesimo nei suoi leader ufficiali promuove e sostiene il modo di vivere e la morale dei tempi precristiani. Ma allora Gesù è proprio venuto per niente!

11. In Germania c’è persino chi prende in giro i vescovi dell’Africa come retrogradi, perché nel loro continente l’omosessualità è bandita. Ci manca solo che si promuova una nuova “evangelizzazione” in nome di questo vangelo capovolto, cioè in realtà una nuova imposizione delle false conquiste antropologiche dell’Occidente ai poveri che hanno la mente sana.

12. Quello che non capisco è la sottomissione e il silenzio di tanti vescovi e sacerdoti. Non vedo neanche una resistenza passiva. I martiri affrontavano la morte. Ma oggi solo alcuni laici che non sono vincolati dalle strutture ecclesiastiche parlano a voce alta, mentre preti e vescovi – salvo poche eccezioni – tacciono per paura di ritorsioni e di accuse squalificanti.

13. Si continua a predicare che non bisogna dividere ma unire. E quindi stare zitti, perché un’opposizione aperta farebbe troppo danno alla Chiesa. Ma questo atteggiamento rispettoso finisce per favorire proprio chi fa disastri.

14. Il papa lo sa e le inventa tutte per autotutelarsi. I suoi continui viaggi, gli accordi con i luterani, gli accordi con i musulmani, gli accordi con la Cina e così via sono tutte trincee che lo difendono. Come si può criticarlo, quando dovunque va viene accolto con grande pompa e acclamazioni?

15. Una precauzione che i vertici della Chiesa adottano quando parlano e decidono e fanno i sinodi è di non andare minimamente contro gli schemi e il credo LGBT. Mai una volta che si chiedano se Dio Padre ne sa qualcosa e se Dio Padre la pensa alla stessa maniera. Dio Padre non si lamenta mai, e avendo Gesù dato le chiavi a Pietro pensano che si possa usarle a piacimento e farla da padroni.

16. Ma lo Spirito di Dio è sempre vivo. E quindi anche oggi siamo sicuri che ci sono tanti santi che permettono ancora a Dio di vivere in mezzo a noi. O Signore, resta con noi!

(fonte: settimocielo.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...