Roberto de Mattei sulla questione del papa eretico

Rorate Coeli intervista il professor Roberto de Mattei riguardo all’analisi del vescovo Athanasius Schneider sulla questione di un papa eretico.

Continua a leggere “Roberto de Mattei sulla questione del papa eretico”

Annunci

I vescovi italiani e tedeschi, degni successori dell’apostolo Giuda Iscariota

Come Cristo fu tradito e venduto da uno dei suoi apostoli, così la Chiesa sarà tradita e venduta proprio da coloro che per primi dovrebbero difenderla e amarla: i vescovi.

Continua a leggere “I vescovi italiani e tedeschi, degni successori dell’apostolo Giuda Iscariota”

Sulla questione di un papa eretico

Pubblichiamo una traduzione italiana, autorizzata dall’autore, di un importante studio di S. E. Mons. Athanasius Schneider, vescovo ausiliare di Astana dedicato all’ipotesi del Papa eretico, nella certezza che esso possa arricchire il dibattito e offrire utili elementi di orientamento.

Continua a leggere “Sulla questione di un papa eretico”

“Ecco perché anch’io, monaca, mi sento sradicata”

Una monaca ha sentito il bisogno di aprire il suo cuore, confidando tutto lo sconcerto e il dolore che prova per la situazione in cui si trova la Sposa di Cristo.

Continua a leggere ““Ecco perché anch’io, monaca, mi sento sradicata””

Chiesa cattolica, dove sei? Il grido di un missionario di frontiera

“Ormai non è più possibile dubitare su dove ci sta portando chi governa la Chiesa: ad un punto in cui chi è vivo deve per forza reagire. Per quanto tempo ancora possiamo stare in silenzio?”: domanda padre missionario che da una vita è in frontiera a migliaia di miglia da Roma, che lui, intanto, il silenzio l’ha rotto. Con queste sue sedici folgoranti riflessioni.

Continua a leggere “Chiesa cattolica, dove sei? Il grido di un missionario di frontiera”

Bergoglio non va in Argentina, ma i suoi amici vanno da lui

Mentre i vescovi argentini tornano a estendere un invito a Papa Francesco a visitare finalmente il suo Paese natale, si susseguono le suggestioni sulle motivazioni che impediscono a Bergoglio di visitare l’Argentina. Che passano inevitabilmente dagli attriti con il presidente della Repubblica. Mentre i suoi amici “movimentisti” vanno spesso a Roma.

Continua a leggere “Bergoglio non va in Argentina, ma i suoi amici vanno da lui”

Quei “coccodrilli” agiografici per il card. Danneels

La morte dell’arcivescovo belga Godfried Danneels è stata salutata dalla stampa cattolica progressista con articoli di grande lode. Non sorprendentemente, viste le posizioni moderniste di Danneels. Ci si dimentica però della situazione disastrosa in cui ha lasciato la Chiesa in Belgio, del coinvolgimento in un caso di copertura di abusi e dell’appartenenza alla cosiddetta “Mafia di San Gallo”.

Continua a leggere “Quei “coccodrilli” agiografici per il card. Danneels”

Il card. (R.) Marx: no al celibato, sì alla sodomia e alla masturbazione.

L’attacco finale della conferenza episcopale tedesca alla morale sessuale. L’offensiva ufficializzata con un sinodo apposito e una conferenza stampa. Sul piatto un pacchetto di proposte-ricatto per sdoganare adulterio, nozze gay, convivenza, preti sposati, gender, contraccezione e persino la masturbazione. Il vescovo Marx: «Negli anni ’70 non ricevemmo risposta, ma ora i tempi sono maturi e a Roma le cose sono cambiate».

Continua a leggere “Il card. (R.) Marx: no al celibato, sì alla sodomia e alla masturbazione.”

Sorondo, servo dei potenti, falso paladino dei poveri

L’ultra-bergoglioso Marcelo Sanchez Sorondo in un’intervista a Repubblica, ci spiega, in un’ottica tutta marxista, che il mondo è diviso in ricchi e poveri: i ricchi inquinano e i poveri muoiono; i ricchi consumano tutte le risorse e i poveri le pagano; i ricchi surriscaldano il pianeta e i poveri affogano (per le acque che si alzano); i ricchi eleggono presidenti americani di destra e i poveri ne pagano le conseguenze. Dunque, una rivoluzione è necessaria.

Continua a leggere “Sorondo, servo dei potenti, falso paladino dei poveri”

“Cattolici Lgbt”, ciò che vìola diritto naturale e Rivelazione

L’espressione “cattolici LGBT” è un non-senso e rende impossibile la Dottrina sociale della Chiesa. Se l’ideologia gender è una forma di colonizzazione della natura umana essere “cattolico LGBT” vuol dire collaborare alla colonizzazione della natura umana. Se la Chiesa ha deciso di non fare più riferimento dogmatico, morale e politico alla creazione, e quindi all’ordine finalistico del creato come base della sua Dottrina sociale, almeno non ce lo dica con una misera foto.

Continua a leggere ““Cattolici Lgbt”, ciò che vìola diritto naturale e Rivelazione”