«A Bergoglio interessa solo il potere»

Pubblichiamo l’intervista fatta da Gloria.TV al docente universitario argentino José Arturo Quarracino, nipote del cardinale Antonio Quarracino, l’arcivescovo di Buenos Aires che volle proprio ausiliare il gesuita Jorge Mario Bergoglio. Non condividiamo tutte le affermazione del prof. Quarracino, soprattutto riguardo la politica, ma descrive molto bene la personalità del papa regnante.

Continua a leggere “«A Bergoglio interessa solo il potere»”

Bianchi si trasferisce da Bettazzi, reunion progressista ad Albiano

Il vescovo emerito di Ivrea offre ospitalità all’ex priore di Bose, nel nome della comune matrice del cattocomunismo.

Continua a leggere “Bianchi si trasferisce da Bettazzi, reunion progressista ad Albiano”

Dalla clausura all’impegno sociale. Storia di un monastero “convertito” sulla via di Bergoglio

Le sette monache della comunità di Santa Clara a Manresa (Barcellona) hanno aperto il convento ai laici, che vi hanno installato un banco alimentare e un ricovero per i senzatetto. Inoltre le monache si prendono cura di persone con problemi di salute mentale e organizzano attività per i bambini nella casa dell’infanzia. Il tutto per rispondere all’invito di Francesco di aprirsi al mondo. Come se la vita dedicata esclusivamente alla preghiera e alla contemplazione non fosse un tesoro da custodire ma un inutile residuo del passato, da superare nel nome dell’”aggiornamento”.

Continua a leggere “Dalla clausura all’impegno sociale. Storia di un monastero “convertito” sulla via di Bergoglio”

«Santità, presti attenzione al Nicaragua»

Il Parlamento Europeo cerca di fare giustizia accusando il governo Ortega di atti di corruzione. Nuova lettera dell’esule e perseguitato politico Álvaro Leiva Sánchez a Papa Francesco. È la terza, ancora senza risposta.

Continua a leggere “«Santità, presti attenzione al Nicaragua»”

Il gesuita in bianco e Yolanda la rossa… Gatta ci cova!

Sabato 11 dicembre 2021 papa Francesco ha ricevuto in robusta udienza privata, durata quaranta minuti, il ministro spagnolo del Lavoro. Gatta ci cova… forse il gradimento per una nuova ambasciatrice, laicista fin nel midollo delle ossa?

Continua a leggere “Il gesuita in bianco e Yolanda la rossa… Gatta ci cova!”

Verso una nuova “Chiesa” cattocomunista

Nel aprile 1969 la rivista Catolicismo di San Paolo del Brasile, portavoce della TFP brasiliana, pubblicò un numero speciale doppio contenente un riassunto analitico di un saggio apparso poco prima sulla rivista Ecclesia, di Madrid, che denunciava l’esistenza all’interno della Chiesa di gruppi, autoproclamatisi “profetici”, che tramavano per la sua distruzione [“I piccoli gruppi e la corrente profetica”, Ecclesia n° 1423, 11 gennaio 1969]. Riportiamo qui di seguito l’introduzione scritta dal prof. Plinio Corrêa de Oliveira.

Continua a leggere “Verso una nuova “Chiesa” cattocomunista”

Dopo Hong Kong, Francesco abbandonerà anche Taiwan?

Papa Francesco, con i suoi silenzi, ha sacrificato Hong Kong sull’altare liberticida della Cina. Ma anche a Taiwan temono d’essere abbandonati da lui alle crescenti minacce di Pechino di riappropriarsi dell’isola.

Continua a leggere “Dopo Hong Kong, Francesco abbandonerà anche Taiwan?”

Teologia della Liberazione o marxismo per i cristiani?

Diversi media hanno commentato il 50° di un libro che ha avuto una enorme influenza nella Chiesa cattolica latinoamericana e non solo, Teologia della liberazione, del sacerdote peruviano Gustavo Gutiérrez. Proponiamo di seguito l’analisi del libro Teologia della Liberazione fatta dalla rivista Tradición y Acción di Lima nel 1973.

Continua a leggere “Teologia della Liberazione o marxismo per i cristiani?”

Perché il Concilio Vaticano II non condannò il comunismo

Perché il comunismo non fu denunciato al Concilio Vaticano II e quali furono le conseguenze di questo silenzio.

Concilio Vaticano II

Juan Miguel Montes, direttore dell’Ufficio Tradizione Famiglia Proprietà di Roma, spiega perché il comunismo non fu denunciato al Concilio Vaticano II e quali furono le conseguenze di questo silenzio.

di Javier Navascués (09-11-2021)

Juan Miguel Montes, direttore dell’Ufficio Tradizione Famiglia Proprietà di Roma, spiega perché il comunismo non fu denunciato al Concilio Vaticano II e quali furono le conseguenze di questo silenzio.

Per molti anni il patto segreto tra Vaticano e URSS per non condannare il comunismo al Concilio Vaticano II è stato considerato una leggenda. Come è stata possibile una cosa così incomprensibile?

Il patto era legato all’impegno di non condannare il comunismo in cambio del permesso a rappresentanti qualificati del Patriarcato di Mosca di partecipare al Concilio. Non sfuggiva a nessuno che all’epoca la Chiesa ortodossa russa era profondamente legata al regime sovietico. Oggi può sembrare incomprensibile, ma nelle grandi manovre geopolitiche di quel difficile periodo…

View original post 1.073 altre parole

I “9 comandamenti” di Francesco per l’economia ignorano il Primo Divino Comandamento

I nove comandamenti di papa Francesco? Vecchie ricette marxiste. E Dio è del tutto dimenticato.

Continua a leggere “I “9 comandamenti” di Francesco per l’economia ignorano il Primo Divino Comandamento”