Gli USA si allontanano da Bergoglio: Rod Dreher svela perché

Papa Francesco, Benedetto XVI, lo scandalo legato agli abusi e il futuro del cristianesimo: questi i quattro temi affrontati da Rod Dreher in questa intervista rilasciataci dopo la pubblicazione in italiano del best-seller L’Opzione Benedetto.

di Francesco Boezi (14-10-2018)

Rod Dreher a tutto campo sulla situazione vissuta oggi dalla Chiesa cattolica e dal cristianesimo: da papa Francesco a papa Benedetto, passando per il “dossier Viganò”. Per il New York Times, lo scrittore americano è l’autore del libro a tema religioso più importante di questi ultimi dieci anni.

L’Opzione Benedetto, da poco pubblicato in lingua italiana dalla San Paolo, è un testo che consiglia ai cristiani una sorta di ritiro strategico da un mondo ormai incompatibile con le loro istanze (“bocciato” dai gesuiti, ndr). Ma Dreher, in quest’intervista rilasciata a IlGiornale.it, si sofferma anche su quello che sta succedendo all’interno delle istituzioni ecclesiastiche. Vale la pena sottolineare, come premessa, che lo scrittore in questione ha aderito alla comunione delle Chiese ortodosse, come si legge nella breve biografia riportata sulla sua opera principale, dopo essere stato prima un metodista e poi un cattolico.

Rod Dreher

Gentilissimo Rod Dreher, mons. Gaenswein, durante la presentazione del suo libro alla Camera dei deputati, ha paragonato lo scandalo degli abusi sessuali ai danni dei minori all’11 settembre. Cosa ne pensa?

Mi ha colpito duramente. In parte perché ero un giornalista di New York l’11 settembre 2001 ed ero in piedi sul ponte di Brooklyn a guardare quando la prima torre è crollata. È stato profondamente traumatico per i newyorkesi, ma anche per tutti noi americani. L’attacco ha distrutto il nostro senso di sicurezza. Pensavamo che la nostra nazione fosse al sicuro da questo genere di cose, ma l’11 settembre (come noi lo chiamiamo) ha rivelato le nostre vulnerabilità. Allo stesso modo, la catastrofe dello scandalo degli abusi ha distrutto la visione di molti cattolici della Chiesa. Niente è stato lo stesso dopo l’11 settembre; nulla dovrebbe essere lo stesso per la Chiesa dopo questo scandalo. Papa Francesco e quei cardinali che lo circondano non sembrano prendere abbastanza seriamente la crisi. È stato confortante ascoltare un uomo di così alto livello della Chiesa – mons. Gänswein, intendo -, riconoscere quanto sia terribile questa crisi. Il suo paragone con l’11 settembre è stato scioccante, ma è stato corretto e, purtroppo, 16 anni dopo lo scandalo di Boston, è stato necessario scuotere la coscienza in Vaticano.

San Benedetto da Norcia

Può spiegare cosa vuol dire “Opzione Benedetto”?

Si riferisce alla scelta che credo che tutti i cristiani autentici debbano fare in questo mondo post-cristiano. Il “Benedetto” è San Benedetto da Norcia, che scese a Roma per completare la sua formazione dopo il crollo dell’Impero Romano d’Occidente. Benedetto era così disgustato dalla corruzione e dall’immoralità, che optò per abbandonare la città e vivere in una grotta. Alla fine uscì dalla caverna e fondò un movimento monastico che, nei secoli successivi, ricostruì una civiltà cristiana in Europa. Credo che oggi i fedeli cristiani dovrebbero riconoscere che le condizioni in questo mondo post-cristiano sono tali che se continuiamo a vivere come se fossero tempi normali, non riusciremo a trasmettere la fede ai nostri figli. Dobbiamo fare qualcosa di radicale. Non credo che dovremmo trasferirci tutti in una grotta a Subiaco, naturalmente, ma dobbiamo voltare le spalle al mondo in modo significativo, così da poter volgere i nostri volti in Dio. Non credo che esista un luogo “sicuro” per vivere la fede, per sfuggire completamente alle sfide della vita nel mondo post-cristiano. Ma credo che noi laici dovremmo esplorare nuovi modi di vivere la fede nella comunità. Non lo faremo se non scegliamo – la parte “opzione” – di impegnarci in un modo coscientemente controculturale di vita cristiana.

Benedetto XVI

Qualcuno pensa che “Opzione Benedetto” significhi “Opzione Ratzinger” …

Bene, intendo San Benedetto, ma è vero che Benedetto XVI è il secondo Benedetto dell’Opzione Benedetto. Ho imparato tanto dal suo insegnamento nel corso degli anni. Ratzinger disse nel 1969, quando era solo un semplice prete, che la Chiesa avrebbe attraversato una terribile crisi, tale che avrebbe fatto perdere il suo potere, la sua ricchezza e il suo status. Molti cadranno ha detto, rimarranno solo i veri credenti. Ma questi veri credenti, che desiderano Cristo più di ogni altra cosa, rimarranno, saranno un segno per un mondo solitario e disperato e saranno i semi del rinnovamento. Sono sicuro che questo è il futuro per noi. La “profezia” di Ratzinger mi dà speranza, ma non ottimismo. Inoltre, ha detto che i cristiani devono essere una «minoranza creativa» in questo mondo post-cristiano. Sto cercando di incoraggiarlo con l’opzione di Benedetto.

Dal suo punto di vista, ci sono differenze tra papa Francesco e papa Benedetto XVI?

Sì, grandi differenze. Benedetto è intellettualmente serio, Francesco non lo è. Non intendo questo assunto come un insulto a Francesco, che è più dotato pastoralmente di quanto lo fosse l’erudito Benedetto. La più grande differenza che vedo è che Benedetto ha un grande amore e rispetto per la Tradizione, ma a Francesco non interessa affatto. Qualunque siano state le debolezze e i fallimenti di Benedetto, ha dato stabilità alla Chiesa. Sotto Francesco, si sente che la Chiesa sta vivendo un terremoto che non mostra segni di arresto. È un momento pericoloso.

Quale strada hai indicato nel libro per il futuro del cristianesimo?

Una strada di perdita e sofferenza. Non c’è via di fuga. Molti cristiani americani non vogliono pensare all’opzione Benedetto perché non possono immaginare la sofferenza. Non fa parte del nostro cristianesimo, che è diventato molto borghese, molto a suo agio. Sarà tutto portato via. Sebbene sia stato scritto per gli americani, il libro The Benedict Option è stato meglio compreso dai cattolici europei, che hanno già iniziato a vivere attraverso questa perdita e sofferenza. Un giorno potremmo affrontare gravi persecuzioni, non lo escludo, ma senza dubbio subiremo un’ulteriore emarginazione. E la più grande sfida sarà trasmettere la fede ai nostri figli. Pochissimi di noi sono preparati per questo.

Papa Francesco

Cosa si dice negli Stati Uniti dell’attuale crisi vissuta dalla Chiesa cattolica?

I cattolici americani sono arrabbiati per questo in un modo che non ho mai visto. Nel 2002, quando lo scandalo è iniziato a Boston, è stato uno choc per tutti gli americani, ma la gente ha sostanzialmente creduto che i vescovi potessero essere considerati attendibili per risolvere il problema. Ora, le persone stanno cominciando a riconoscere quanto sia corrotto l’episcopato. I sondaggi su Papa Francesco tendono verso al basso negli Stati Uniti, perché molte persone – non solo i cattolici – credono che sia più interessato a proteggere i suoi alleati che a ripulire la Chiesa. Quando sono stato in Italia di recente, sono stato sorpreso di scoprire che molti dei media italiani non hanno segnalato quanto sia serio lo scandalo negli Stati Uniti. Francesco e i suoi consiglieri dicono che lo scandalo è una cospirazione da parte dei ricchi cattolici americani di destra per ferirlo. È una follia questa teoria, e se si permetteranno di crederci, il Papa ed i suoi uomini scaveranno solo più a fondo in una buca.

Mons. Viganò

Ha letto il dossier di Viganò? Cosa pensa?

Si l’ho fatto. Penso che mons. Vigano sia un eroe. Ha detto in pubblico ciò che molte persone informate hanno detto in privato per anni. Il Papa non gli ha risposto, secondo me, perché il Papa sa perfettamente che Vigano sta dicendo la verità. Dopo che il dossier di Vigano è stato pubblicato, ho sentito da almeno quattro amici sacerdoti cattolici affermare che la sua pubblicazione ha portato loro “gioia”. Seriamente, questa è la parola che hanno usato. “Perché la gioia?”, ho chiesto. Tutti hanno dato una versione di questa risposta: “Perché finalmente possiamo parlare apertamente di ciò che tutti sappiamo è vero, ma non potevamo dire prima”.

Cosa dovrebbero fare i cristiani in questo mondo?

Cerca il volto di Dio sopra ogni cosa. Tutto il resto segue da quello. Quello era il segreto del successo di San Benedetto. Sa, nel 2015 ho scritto un libro intitolato Come Dante può salvarti la vita. È la storia di come il Signore mi ha fatto uscire da una terribile crisi spirituale e fisica parlando a me attraverso la poesia di Dante Alighieri. Una delle grandi lezioni che Dante mi ha insegnato è che se ordiniamo le nostre vite con qualcosa di diverso dall’appassionata ricerca della comunione con Dio sopra ogni altra cosa, sbagliamo. Se Dio è solo una parte della nostra vita, allora Lui non è Dio. Dio deve essere la nostra intera vita, niente di meno.

Donald Trump è un presidente che segue l’Opzione di Benedetto?

Oh no! Affatto! Non è nemmeno un cristiano in alcun senso si voglia intendere. Molti cristiani americani, in particolare protestanti evangelici, hanno riposto molta fiducia in Trump. Penso che questo sia un grosso errore, ma devo ammettere qualcosa: Trump non odia i cristiani e non vuole spingerci fuori dalla pubblica piazza, per così dire. Questa è una differenza significativa tra lui e gli alti politici del Partito Democratico, che è ora governato dal fanatismo pro-aborto e pro-LGBT. Non mi piace Trump e non mi fido di lui, ma i progressisti sono diventati così viziosi e ostili al cristianesimo tradizionale che quasi sicuramente dovrò votare per Trump nel 2020. Non posso credere che lo sto dicendo, ma viviamo in tempi folli. Ma non ponetevi il dubbio: Après Trump, il déluge.

(fonte: ilgiornale.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...