I vescovi tedeschi vogliono benedire le coppie dello stesso sesso

La Chiesa tedesca apre la partita per un riconoscimento delle “nozze” gay. Niente matrimonio, ma una benedizione. L’affondo dei pro-family: “Il progressismo tedesco vuole cancellare tutto l’insegnamento cattolico e creare una nuova religione”.

Continua a leggere “I vescovi tedeschi vogliono benedire le coppie dello stesso sesso”

Annunci

I gesuiti vogliono un Gesù “più credibile”

S’intitola Cristologia, per iniziare il libro che raccoglie le conferenze agli educatori dei Collegi della Compagnia di Gesù. Da qui si deduce che l’autore, il padre gesuita spagnolo José-Ramon Busto Saiz, rettore della Pontificia Università di Madrid, rilegge e distorce il Vangelo per “renderlo più credibile” alla luce del Vaticano II e sulle orme di Kasper.

Continua a leggere “I gesuiti vogliono un Gesù “più credibile””

Mons. Antonio Livi: “Costretti alla correzione filiale, la Chiesa è allo sbando”

Monsignor Antonio Livi, uno dei più grandi teologi italiani, nonché uno dei firmatari della correzione filiale, spiega le ragioni di un tale gravoso ma necessario atto.

Continua a leggere “Mons. Antonio Livi: “Costretti alla correzione filiale, la Chiesa è allo sbando””

La guerra a Giovanni Paolo II dei vescovi tedeschi

Fine del cattolicesimo in Germania. I vescovi tedeschi hanno tradito la fede cattolica già dal pontificato di Giovanni Paolo II.

Continua a leggere “La guerra a Giovanni Paolo II dei vescovi tedeschi”

Dubia irrisolti: dopo un anno, urge la correzione formale

Ad un anno esatto dalla missiva firmata dai cardinali Carlo Caffarra, Walter Brandmüller, Raymond Leo Burke e Joachim Meisner, la situazione è sostanzialmente quella di uno stallo che non fa bene a nessuno; al papa, ai cardinali e, molto prima, non fa bene alla Chiesa.

Continua a leggere “Dubia irrisolti: dopo un anno, urge la correzione formale”

Amoris Laetitia, l’ambiguità è un grande pericolo

Padre Vincent Twomey, importante teologo morale, si aggiunge alla lista di teologi e vescovi preoccupati per le conseguenze che sta avendo nella Chiesa la molteplicità di interpretazioni dell’esortazione post-sinodale. A dimostrazione che a quasi un anno e mezzo dalla sua pubblicazione, e a quasi un anno dalla nascita dei Dubia, la mancanza di una risposta continua a suscitare disagio e a generare perplessità.

Continua a leggere “Amoris Laetitia, l’ambiguità è un grande pericolo”

Il diavolo veste Arturo Sosa, SJ

Le sciocchezze di padre Sosa, generale dei Gesuiti, sull’inesistenza del Diavolo. Si tratta dell’eresia che rende gli uomini di Chiesa (religiosi, teologi e vescovi) del tutto indifferenti e insofferenti al dogma. Tolto di mezzo il dogma, ogni opinione è ugualmente possibile, purché ottenga il consenso di chi ne vede l’utilità pratica. Dove vanno a parare le argomentazioni pseudo-teologiche dei modernisti? Essi dipendono tutti dalle dottrine luterane sulla rivelazione e la fede.

Continua a leggere “Il diavolo veste Arturo Sosa, SJ”

Vogliono “seppellire” Benedetto XVI

Questo articolo sui rapporti di forza tra Benedetto XVI e Papa Francesco è apparso sulla rivista statunitense The First thing. La Nuova BQ ne ha pubblicato ampi stralci tradotti.

Continua a leggere “Vogliono “seppellire” Benedetto XVI”

“Noi possumus”, il cuore delle aperture di Amoris laetitia era già scritto. Rimangono i Dubia

Era tutto già scritto. Alcune interpretazioni del capitolo VIII di Amoris laetitia riprendono vecchie teorie. Lo dimostra un libro scritto della San Paolo nel 2005 dai cardinali Kasper e Martini. In punta di penna si sono battute linee precise su liturgia, ecumenismo, morale. Tra le pieghe del libro un imperativo che rischia di affermarsi ora: «La Chiesa non ha nessuna competenza dottrinale per un giudizio definitivo sulle situazioni concrete».

Continua a leggere ““Noi possumus”, il cuore delle aperture di Amoris laetitia era già scritto. Rimangono i Dubia”

Il nuovo avanzato (e avariato)

Quando il nuovo è già vecchio…

Continua a leggere “Il nuovo avanzato (e avariato)”