Paglia scivola di nuovo: sull’eutanasia non si negozia

Il presidente della Pontificia Accademia per la Vita (PAV) parte bene in un’intervista sul referendum radicale, ma commette il grave errore di auspicare una legge sul fine vita che sia condivisa. La solita strategia del male minore che delinea come in casa cattolica non si pensi più a battere l’avversario. Così facendo Paglia sembra non essere persuaso che uccidere l’innocente sia un male per tutti. Un sincretismo valoriale preoccupante.

Continua a leggere “Paglia scivola di nuovo: sull’eutanasia non si negozia”

Ddl Zan, la CEI rinuncia alla verità

In due interviste parallele il cardinale Bassetti, presidente dei vescovi italiani, e l’arcivescovo Paglia (rispettivamente a Repubblica e Stampa) si schierano per la modifica — e non l’affossamento — del Ddl Zan sull’omo-transfobia. Una posizione incomprensibile e non condivisibile, di cui non viene data alcuna ragione che non sia opportunismo politico. E parlano di dialogo con tutti, ma mai si sono posti il problema di ascoltare chi nella Chiesa — come noi e molti altri — sostiene che il ddl sia da rifiutare in blocco.

Continua a leggere “Ddl Zan, la CEI rinuncia alla verità”

Mons. Bordeyne: Padre, madre e figli? Un triangolo piccolo borghese

Il nuovo presidente del Pontificio istituto teologico Giovanni Paolo II per le scienze del matrimonio e della famiglia (che ha sostituito per volontà di Francesco il Pontificio istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia) è monsignor Philippe Bordeyne, noto fautore di Amoris laetitia, critico dell’Humanae vitae, favorevole alla contraccezione e a un approccio accogliente verso le coppie omosessuali.

Continua a leggere “Mons. Bordeyne: Padre, madre e figli? Un triangolo piccolo borghese”

Togliete il nome di Giovanni Paolo II dall’Istituto sulla famiglia

Sulla pagina Facebook del Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II è apparso uno scandaloso post che, a sostegno di Joe Biden, sostiene che «difendere il diritto all’aborto non significa difendere l’aborto». Giudizio diametralmente opposto a quello che è stato il Magistero del papa polacco, che non merita di essere continuamente infangato. Piuttosto chiamate l’Istituto Amoris laetitia.

Continua a leggere “Togliete il nome di Giovanni Paolo II dall’Istituto sulla famiglia”

La Rivoluzione di Paglia: come ti distruggo la morale cattolica

Sulla questione aborto non c’è solo la fuga in avanti di Avvenire. In una intervista al quotidiano americano Crux, mons. Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita, nega l’esistenza di princìpi morali non derogabili e accusa di strumentalizzazione politica chi usa il diritto alla vita come criterio di voto. Il riferimento implicito è alle elezioni americane, ma le affermazioni di Paglia sono coerenti con una impostazione ormai consolidata che stravolge le basi fondamentali della teologia morale cattolica.

Continua a leggere “La Rivoluzione di Paglia: come ti distruggo la morale cattolica”

Se per il Vaticano Dio non esiste

Il nuovo documento della Pontificia Accademia per la Vita riguardo al Covid-19 è imbarazzante: non dice nulla, nulla sulla vita e nulla di cattolico. Si chiede la conversione all’ambiente e alla solidarietà, escludendo del tutto la dimensione religiosa. È un documento che piacerà a molti personaggi dei vertici mondiali.

Continua a leggere “Se per il Vaticano Dio non esiste”

L’Istituto Giovanni Paolo II è caduto. Ma con onore?

Nella battaglia epocale in corso all’interno della Chiesa, un torrione è caduto: l’Istituto Giovanni Paolo II, che ormai del suo fondatore porta solo il nome. Oltre il danno, la beffa.

Continua a leggere “L’Istituto Giovanni Paolo II è caduto. Ma con onore?”

Giovanni Paolo II? Canonizzato e tradito

Proponiamo ai nostri lettori due interviste riguardo le purghe bergogliose attuate all’Istituto Giovanni Paolo II, che ormai del suo fondatore porta solo il nome.

Continua a leggere “Giovanni Paolo II? Canonizzato e tradito”

Metodo Paglia al GP2, si ribellano anche gli studenti

Cambiamento dell’identità dell’Istituto, licenziamenti ingiustificati di docenti importanti, impossibilità a garantire piani di studio che giustificavano la scelta di questi corsi: tocca tutti i punti cruciali la dura lettera che studenti ed ex studenti del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II su matrimonio e famiglia hanno inviato al Gran Cancelliere monsignor Vincenzo Paglia e al preside monsignor Pierangelo Sequeri. Chiedendo di tornare indietro su molte decisioni. A dimostrazione che le smentite e le rassicurazioni di Paglia cercano di nascondere una realtà di esproprio di un istituto e di repressione del dissenso. (L’identità dell’IGPII. Lettera di studenti ed ex studenti, La Nuova BQ, 31-07-2019)

***

A scorrere il comunicato stampa diffuso lunedì sera, 29 luglio, dal Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II per le Scienze del matrimonio e della famiglia, non si sa se ridere o indignarsi. Paglia pensava di smentire, in realtà si confermano i motivi della protesta. (Le smentite del GP2? Confermano l’epurazione, Riccardo Cascioli, La NuovaBQ, 31-07-2019)

***

«I vandali saccheggiano Roma di nuovo». Un titolo inequivocabile che ben spiega la dura requisitoria di George Weigel, biografo di papa Giovanni Paolo II, nei confronti di coloro che stanno distruggendo l’eredità dell’Istituto Giovanni Paolo II su matrimonio e famiglia. (E Weigel dà del vandalo a Paglia, Marco Tosatti, La NuovaBQ, 31-07-2019)

Offensiva catto-gay tra Avvenire e l’istituto di Paglia

Nella solita intervista all’inserto di Avvenire dedicato alla Famiglia, il teologo moralista rahneriano Maurizio Chiodi riscrive il Magistero cattolico sull’omosessualità, superando il concetto di “natura” e arrivando a considerare la possibilità che gli atti omosessuali siano un bene oggettivo. Intervista non causale, visto che il moralista è molto vicino a Vincenzo Paglia ed è in predicato di ridisegnare la teologia morale all’Istituto Giovanni Paolo II, dopo le epurazioni in corso.

Continua a leggere “Offensiva catto-gay tra Avvenire e l’istituto di Paglia”