Guerra a Caffarra, il “massimalista” della famiglia

Andrea Grillo continua il suo attacco contro il cardinal Caffarra, che egli giudica come l’alfiere di un “disastro massimalistico”, fautore di una teologia “intollerante”. Nel farlo cita il teologo Bernhard Haering. Ma quel che Grillo attacca, sulla scia di Haering, altro non è che il magistero di San Giovanni Paolo II. E in particolar modo la sua enciclica Veritatis splendor con cui condannava il relativismo morale.

Continua a leggere “Guerra a Caffarra, il “massimalista” della famiglia”

Amoris Laetitia, Avvenire nel paese delle meraviglie

Un editoriale del giornale della CEI prova a “demolire” le parole del card. Caffarra sull’Amoris Laetitia e cita l’ormai celebre lettera privata di papa Francesco ai connazionali argentini. Che però è una missiva privata. La posta in gioco merita un atto di magistero più chiaro e preciso. Intanto, in Germania, Die Tagespost parla apertamente di scisma.

Continua a leggere “Amoris Laetitia, Avvenire nel paese delle meraviglie”

La Catholica di oggi ha dimenticato Giovanni Paolo II

L’oblio del fatto che il pensiero antropologico di Karol Wojtyla è nato nell’esperienza morale dell’uomo, cioè nella comunione con le altre persone e nello stesso tempo nell’esperienza della presenza di Dio in ogni uomo, nella Bibbia e nella Chiesa, permette di manipolare l’eredità di san Giovanni Paolo II, la cui comprensione della persona umana nata nella purezza del cuore e della mente combaciava con la Parola del Dio vivente, Gesù Cristo, e non invece con quella di Mosè. Qui tocchiamo un punto cruciale per la visione wojtyliana del continuo sviluppo della nostra comprensione della salvezza.

Continua a leggere “La Catholica di oggi ha dimenticato Giovanni Paolo II”

L’insostenibile tesi del cardinale Schönborn

Nell’intervista rilasciata a Spadaro, l’arcivescovo di Vienna afferma che l’Amoris Laetitia di papa Francesco non contiene mutamenti della dottrina. Ma è vero il contrario: i cambiamenti sono molti, troppi, e riguardano la concezione cattolica della morale e la dottrina sacramentale.

Continua a leggere “L’insostenibile tesi del cardinale Schönborn”

Spadaro & Co.: il discernimento è la chiave di un “cristianesimo adulto”

Nonostante quello che scrivono i gesuiti, il “cristiano adulto” è un cattolico adulterato, cioè apostata. Punto.

Continua a leggere “Spadaro & Co.: il discernimento è la chiave di un “cristianesimo adulto””