I tre buchi neri del Sinodo che mettono in pericolo la Chiesa

Il percorso che culminerà nel 2023 con il Sinodo dei Vescovi presenta almeno tre buchi neri. Il primo è che la sua conduzione non ha niente di sinodale, confermando l’atteggiamento imperativo di Francesco. Il secondo buco nero riguarda l’ascolto, viziato dal fatto che si è già deciso cosa ascoltare e cosa no. Il terzo è l’idea di introdurre nella Chiesa la democrazia liberale. Ma così si snatura la stessa Chiesa.

Continua a leggere “I tre buchi neri del Sinodo che mettono in pericolo la Chiesa”

Papa e Nicaragua, dove stanno le radici del problema

Le parole pronunciate ieri dal Papa all’Angelus sulla situazione in Nicaragua, le prime in 4 anni di persecuzioni, sono gravemente inadeguate e coerenti con l’atteggiamento tenuto verso tutti i regimi comunisti, non solo latinoamericani. Ma il vero problema è piegare la presenza e l’intervento della Chiesa a logiche politiche.

Continua a leggere “Papa e Nicaragua, dove stanno le radici del problema”

Papa Francesco definisce Cuba un simbolo. Sì, ma di cosa?

In un servizio streaming di Televisa-Univision, le dichiarazioni fatte dal Papa non possono non aver suscitato costernazione in coloro che soffrono in questa isola-prigione comunista.

Continua a leggere “Papa Francesco definisce Cuba un simbolo. Sì, ma di cosa?”

Castro, Ortega, Bergoglio. Le cattive amicizie del Papa

Della sua simpatia verso i regimi di sinistra papa Francesco non ha mai fatto mistero.

Continua a leggere “Castro, Ortega, Bergoglio. Le cattive amicizie del Papa”

Opzione preferenziale per i protestanti pentecostali

Il minimo che si possa dire della famigerata “opzione preferenziale per i poveri”, originariamente proposta dalla teologia della liberazione e oggi proposta da Papa Francesco, è che si è dimostrata un disastro pastorale. In America Latina i fedeli stanno abbandonando la Chiesa a fiumi andando a ingrossare le fila delle sette protestanti pentecostali.

Continua a leggere “Opzione preferenziale per i protestanti pentecostali”

«A Bergoglio interessa solo il potere»

Pubblichiamo l’intervista fatta da Gloria.TV al docente universitario argentino José Arturo Quarracino, nipote del cardinale Antonio Quarracino, l’arcivescovo di Buenos Aires che volle proprio ausiliare il gesuita Jorge Mario Bergoglio. Non condividiamo tutte le affermazione del prof. Quarracino, soprattutto riguardo la politica, ma descrive molto bene la personalità del papa regnante.

Continua a leggere “«A Bergoglio interessa solo il potere»”

Le difficoltà della “teologia del popolo”

L’espressione “teologia del popolo” sembra sia stata coniata dal teologo J.L. Segundo che voleva distinguerla anche nel nome dalla teologia della liberazione nella quale rischiava di essere confusa. Però le due teologie mantengono un punto in comune, vale a dire il punto del loro “cominciamento”.

Continua a leggere “Le difficoltà della “teologia del popolo””

Tavola Rotonda con Julio Loredo sulla teologia della liberazione

La teologia della liberazione (di cui esistono diverse correnti) è una falsa teologia che non è affatto a favore dei poveri, né per la povertà evangelica, ma per la povertà-miseria. Gli amici di Cooperatores-Veritatis.org ne parlano con il prof. Julio Loredo, discepolo di Plinio Corrêa de Oliveira, e autore del libro Teologia della liberazione. Un salvagente di piombo per i poveri, che già nel 2015 concesse loro un’intervista sull’argomento.

Francesco, un papa col “mito” del popolo

Il testo che segue è la relazione di Sandro Magister al convegno di studio tenuto sabato 30 novembre e domenica 1 dicembre ad Anagni, nella Sala della Ragione, per iniziativa della Fondazione Magna Carta, sul tema: A Cesare e a Dio. Chiesa e politica nei pontificati di Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco. Con in coda la replica del vaticanista al termine del dibattito.

Continua a leggere “Francesco, un papa col “mito” del popolo”