Assalto alla Santa Messa

Abdicando, Benedetto XVI, ha praticamente fatto cadere l’ultima barriera che ancora tratteneva i sostenitori della rivoluzione liturgica. Senza più la presenza del pontefice tedesco si sono aperte le cataratte, un vero e proprio assalto da più parti alla Messa Cattolica, sempre più vicina alle celebrazioni protestanti. Si perché nel mirino dei “riformatori” c’è proprio la liturgia intesa dal monaco eretico Lutero, il quale, negando la reale presenza di Dio nell’Eucarestia, aveva avviato il più grande attacco di sempre alla Chiesa di Dio. Ma anche questa non è una novità.

Continua a leggere “Assalto alla Santa Messa”

Liturgia, i progressisti ora sono conservatori

Riconciliazione liturgica o riforma irreversibile? Il fronte progressista è arroccato in una posizione conservatrice per cui la riforma conciliare non si può toccare. Però 50 anni fa si toccò la messa gregoriana che di anni ne aveva 1500. La posta in gioco è grande: la forma liturgica esprime la fede. E oggi si stanno compiendo epocali cambiamenti di contenuti dottrinali bimillenari che produrranno un cambiamento di contenuto della Messa e dei Sacramenti.

Continua a leggere “Liturgia, i progressisti ora sono conservatori”