Benedizione coppia gay, le bugie del cardinale Zuppi

Un comunicato dell’arcidiocesi di Bologna nega che la messa a Budrio dell’11 giugno fosse per benedire una coppia gay, ma le testimonianze dicono il contrario. E la Bussola rivela anche il contenuto della partecipazione via Whatsapp inviata da uno degli “sposi”. Il documento della diocesi mistifica inoltre un documento di Ratzinger del 1986 per poter dimostrare di essere in sintonia: ma quel documento diceva esattamente il contrario, è in realtà una condanna netta della pastorale del cardinale Zuppi.

Continua a leggere “Benedizione coppia gay, le bugie del cardinale Zuppi”

La pastorale familiare senza (o contro) la pastorale sociale

Accade che la pastorale familiare proponga percorsi di costruzione della famiglia cristiana e contemporaneamente collabori con chi vuole costruire una società anti-familiare o post-familiare. Riflessioni sul caso Budrio.

Continua a leggere “La pastorale familiare senza (o contro) la pastorale sociale”

Così la benedizione “omo” uccide la dottrina sociale

Benedire in chiesa coppie omosessuali vuol dire ammazzare la Dottrina sociale della Chiesa, annullarla rendendola impossibile, negarla nella sua radice. Se la Chiesa lo fa, vuol dire che si ritira dal mondo e cessa di volerlo evangelizzare perché a questo serve la Dottrina sociale della Chiesa. La benedizione delle coppie omo toglie alla Chiesa il suo “diritto di cittadinanza” nella pubblica piazza perché le toglie di mano la possibilità di fare riferimento ad un ordine di verità anche naturale.

Continua a leggere “Così la benedizione “omo” uccide la dottrina sociale”

Uno tsunami Lgbt sta travolgendo la Chiesa

Francescani tedeschi che eleggono un superiore dichiaratamente gay; il vescovo di Coira, in Svizzera, che obbliga tutti coloro che lavorano per la diocesi a firmare un documento “arcobaleno”; e James Martin che, nel mese di giugno, vede complementari il Sacro Cuore di Gesù con i Gay Pride. L’ondata Lgbt appare inarrestabile, mentre da Roma prosegue il silenzio.

Continua a leggere “Uno tsunami Lgbt sta travolgendo la Chiesa”

Omoeresia, a Bologna si benedice il peccato. E si ringrazia pure!

Prima l’unione civile in Comune, poi la benedizione in chiesa. Va in scena a Budrio la prima pubblica benedizione di una coppia gay in una chiesa italiana. Succede a Bologna nella diocesi del presidente CEI, Zuppi, in aperta violazione del responsum della Congregazione per la Dottrina della fede che le vieta. A che gioco giocano la diocesi di Bologna e il suo vescovo? E’ inutile dire che quella di Budrio fosse “solo” una Messa di ringraziamento. Ringraziamento di che? La Chiesa che «non benedice né può benedire il peccato» può invece offrire a Dio il Sacrificio di ringraziamento per il peccato? E’ qui che emerge tutta l’ipocrisia farisaica di certi pastori, che, anziché richiamare le pecore, le conducono orgogliosamente sulla via della perdizione.

Continua a leggere “Omoeresia, a Bologna si benedice il peccato. E si ringrazia pure!”

La marcia cattogay: lesbiche “predicano” dall’altare

A Pescara una coppia di lesbiche racconta dall’altare l’amore Lgbt tra «lunghi abbracci», «dolcezza degli occhi» e «mani delicate». Il parroco fa pure la direzione spirituale; a Parma il vescovo in campo per i cristiani Lgbt mentre il fedelissimo di Zuppi che dispensa i gay dalla castità entra nelle parrocchie di Modena, Reggio e Ferrara. A Trento il settimanale diocesano sostiene la settimana Lgbt e a Bolzano la pastorale per la famiglia ha uno sportello apposito su fede & omosessualità. La marcia per sdoganare l’omosessualità nella Chiesa è inarrestabile.

Continua a leggere “La marcia cattogay: lesbiche “predicano” dall’altare”

Vescovi americani “freddi” per il cardinale lgbt-friendly

La scelta di Papa Francesco di creare cardinale Robert McElroy continua a far discutere oltreoceano. La conferenza episcopale Usa liquida con freddezza la decisione di Francesco, che invece viene lodata dal gesuita James Martin, che definisce il neo cardinale un “amico della comunità LGBT”.

Continua a leggere “Vescovi americani “freddi” per il cardinale lgbt-friendly”

Dal Vaticano l’apertura alle “famiglie Lgbt”

Alla Conferenza stampa di presentazione dell’Incontro Mondiale delle Famiglie (Roma 22-26 giugno), è stato usato il concetto di “famiglia Amoris Laetitia” in opposizione a famiglia naturale, per aprire all’accoglienza di qualsiasi forma di unione, omosessuale in testa. È uno strappo deciso rispetto a quello che è sempre stato l’insegnamento della Chiesa.

Continua a leggere “Dal Vaticano l’apertura alle “famiglie Lgbt””

Verso il prossimo conclave: tra i papabili spunta il cardinale maltese Grech

Il cardinale maltese Mario Grech viene menzionato tra una serie di cardinali che avrebbero la possibilità di succedere a papa Francesco al prossimo conclave.

Continua a leggere “Verso il prossimo conclave: tra i papabili spunta il cardinale maltese Grech”

Lo scisma nella Chiesa c’è, ma non lo si vuole ammettere

Con le tesi del Sinodo tedesco si torna a parlare di scisma nella Chiesa, ma in questi anni Magistero e teologia hanno fatto sì che sia venuto meno il confine tra ciò che è vero e immutabile e ciò che non è accettabile. L’accordo Vaticano-Cina, il cambiamento del Catechismo sulla pena di morte, l’abolizione del “male intrinseco” in Amoris Laetitia, sono tre passaggi decisivi che minano le verità su cui è fondata la Chiesa.

Continua a leggere “Lo scisma nella Chiesa c’è, ma non lo si vuole ammettere”