Gaffe della Santa Sede. Chi controlla le lettere che firma il Papa?

Coppia di attivisti gay brasiliana posta su Facebook la lettera di saluto del Papa in occasione del battesimo dei tre bambini adottati. E viene subito arruolata per la causa. Ma la Sala Stampa smentisce e fa notare la genericità della missiva. Eppure non è il primo scivolone che ha come conseguenza la strumentalizzazione delle lettere del pontefice.

Continue reading “Gaffe della Santa Sede. Chi controlla le lettere che firma il Papa?”

Il lassismo anni ’70 è al potere nella Chiesa

Preti omosessuali, contraccezione nelle famiglie: tutto questo è stato tollerato a partire dagli anni ’70 da ecclesiastici formati nel lassismo e permissivismo tipico degli anni ’60. Così quando sono arrivati Giovanni Paolo II e Benedetto XVI si sono formate le opposizioni che poi hanno portato alla cosiddetta mafia di San Gallo. Un saggio di Christine Vollmer.

Continue reading “Il lassismo anni ’70 è al potere nella Chiesa”

“I miei dubia al vescovo sui gay”. Così scrive un parroco

“Il discernimento secondo Sant’Ignazio è tra due beni, non tra un bene e un male”. E’ il cuore della lettera che il parroco di Staranzano ha scritto al suo vescovo dopo il caso del capo scout gay “sposo” e del discernimento chiesto dal prelato di Gorizia. Il metodo utilizzato da don Francesco è quello dei dubia, della richiesta pacata di un chiarimento. Avverrà o sarà messo alla gogna anche lui?

Continue reading ““I miei dubia al vescovo sui gay”. Così scrive un parroco”

Dopo le “nozze”, anche l’Eucarestia al capo scout

Si accende il dibattito sullo scoutismo dopo il caso Staranzano. Una mamma della parrocchia, moglie di un capo Agesci e madre di due scout rivela: “Il giorno dopo l’unione civile, Messa nel boschetto senza Gloria, Credo e Santo e i due ‘sposi’ hanno fatto la comunione. Quale ricaduta potrà avere nei ragazzi avere come educatore un uomo che offre come legittima una vita vissuta nell’omosessualità”.

Continue reading “Dopo le “nozze”, anche l’Eucarestia al capo scout”

Omoeresia, il vescovo Chaput contro il gesuita James Martin

Il noto gesuita americano James Martin difende l’omosessualità. Gli replica magistralmente mons. Chaput, arcivescovo di Filadelfia.

Continue reading “Omoeresia, il vescovo Chaput contro il gesuita James Martin”

Avanti cattogay, a colpi di menzogne

Il caso del vescovo di Gorizia che discerne e non giudica il capo scout che si è unito civilmente con il suo convivente, e l’entusiastica partecipazione di Avvenire, dimostrano come nella Chiesa ci sono tanti vescovi e laici che in nome del discernimento e del “non giudicare” favoriscono e favoreggiano i rapporti omosessuali, facendo finta di non approvarli.

Continue reading “Avanti cattogay, a colpi di menzogne”