Abusi sessuali in Francia: parte l’assalto alla Confessione

Il vertice tra il Ministro degli Interni francese e il presidente della Conferenza episcopale si conclude con un’intimazione: «I preti cattolici devono riferire le accuse di abuso sentite in confessione». La vocazione sacerdotale viene definita una professione e quindi il segreto della Confessione un segreto professionale. Ma le cose non stanno così. È evidente che con la scusa di un report ancora tutto ambiguo nei casi e nei numeri è partito l’assalto alla Chiesa. Che purtroppo ha replicato debolmente…

Continua a leggere “Abusi sessuali in Francia: parte l’assalto alla Confessione”

Papa Francesco e le unioni (in)civili

In alcune occasioni Francesco si è dichiarato più volte favorevole alle unioni civili, cioè ad un certo riconoscimento giuridico delle convivenze omosessuali. Duole dirlo, ma si tratta, da parte di un papa, di un allontanamento non indifferente dalla dottrina autenticamente cattolica.

Continua a leggere “Papa Francesco e le unioni (in)civili”

Abusi sessuali, la laicizzazione è il problema non la soluzione

Quello degli abusi sessuali è un grave problema per la Chiesa, ma non basta chiedere perdono: si deve capire perché è successo, ma con i criteri della Chiesa, non quelli del mondo. Invece si sta andando nella direzione opposta, promuovendo quella secolarizzazione che è proprio la causa del collasso della morale.

Continua a leggere “Abusi sessuali, la laicizzazione è il problema non la soluzione”

Pedofilia: il Vescovo di Amburgo ha sbagliato, ma resta in carica

Non c’è pace per la Chiesa cattolica in Germania. La Conferenza Episcopale tedesca ha diffuso una lettera per comunicare la decisione del Papa di rifiutare le dimissioni dell’arcivescovo di Amburgo Stefan Hesse. Ma il potente Comitato centrale dei cattolici tedeschi non l’ha presa bene: “uno schiaffo in faccia alle vittime di abusi”. Non solo…

Continua a leggere “Pedofilia: il Vescovo di Amburgo ha sbagliato, ma resta in carica”

E in Slovacchia il Papa riabilita il vescovo gayfriendly

La visita di papa Francesco in Slovacchia si chiude con la riabilitazione davanti all’opinione pubblica dell’ex vescovo di Trnava, Robert Bezák, deposto da Benedetto XVI nel 2012 e accusato di aver anche creato una rete di preti omosessuali. Imbarazzo nella Conferenza episcopale.

Continua a leggere “E in Slovacchia il Papa riabilita il vescovo gayfriendly”

Ddl Zan, la CEI rinuncia alla verità

In due interviste parallele il cardinale Bassetti, presidente dei vescovi italiani, e l’arcivescovo Paglia (rispettivamente a Repubblica e Stampa) si schierano per la modifica — e non l’affossamento — del Ddl Zan sull’omo-transfobia. Una posizione incomprensibile e non condivisibile, di cui non viene data alcuna ragione che non sia opportunismo politico. E parlano di dialogo con tutti, ma mai si sono posti il problema di ascoltare chi nella Chiesa — come noi e molti altri — sostiene che il ddl sia da rifiutare in blocco.

Continua a leggere “Ddl Zan, la CEI rinuncia alla verità”

I vescovi tedeschi contro il confratello Woelki

Clamorosa indiscrezione del Bild: i vescovi tedeschi stanno valutando di dimettersi in blocco in segno di protesta per la gestione dello scandalo abusi da parte dell’arcivescovo di Colonia Woelki. La difesa di Müller che denuncia la strumentalizzazione di casi del passato, su cui Woelki è già uscito pulito, per screditare il vescovo «critico dell’unilateralità del Cammino Sinodale». Gli abusi sono una scusa: il vero obiettivo sarebbe quello di togliere di mezzo il principale nemico interno e blindare quel Cammino Sinodale che sta creando più di un grattacapo a Roma.

Continua a leggere “I vescovi tedeschi contro il confratello Woelki”

Benedizioni gay e Vetus Ordo: doppiopesismo in Vaticano

Il Vaticano permette la benedizione Lgbt mentre limita la Messa in latino. In questa prassi c’è molta politica che prostituisce un sacramento evirandone un altro. Si favoriscono così coloro che fanno propaganda, discriminando gli umili. Si usa misericordia nel primo caso, mentre nel secondo estremo rigore. Infine, si legittima la sodomia e si delegittima l’Eucarestia senza troppe contestazioni. Ma sia nel primo sia nel secondo caso il cuore di Cristo sanguina.

Continua a leggere “Benedizioni gay e Vetus Ordo: doppiopesismo in Vaticano”