Come si deve obbedire alla Chiesa :: Anticlericali Cattolici

cristianesimocattolico:

“Che farà pertanto un Cristiano cattolico, se qualche piccola porzione di battezzati siasi separata dalla comunione di tutti i fedeli?
Che altro in vero avrà a fare, se non anteporre a un membro putrido e contagioso tutto il restante del corpo sano?
E se qualche nuova infezione non contenta d’attaccare una sola piccola parte, tenti di dare il guasto a tutta la Chiesa, che farà egli allora?
Avrà allora l’avvertenza di tenersi forte all’antichità, la quale non è più affatto soggetta alle fallaci seduzioni della novità.

E se se in mezzo alla stessa antichità traviata rinvengasi qualche partita d’uomini, o qualche intera città, o tutt’anche una provincia, come s’avrà a contenere?
In questo caso sarà sua cura di dare la preferenza sopra la temeriarità e l’ignoranza di pochi a’ decreti di tutta la Chiesa, quando ve n’abbia d’universalmente ab antico accettati….”

SAN VINCENZO DI LERINO

Come si deve obbedire alla Chiesa :: Anticlericali Cattolici

Annunci

Ubbidienza e fedeltà

Questo articolo  fu scritto dal compianto Don Giuseppe Pace nel 1978, fu poi raccolto nel volume Zibaldone (di Fra Galdino da Pescarenico, Editiones Sancti Michaelis, pp. 42-45). Nonostante l’articolo risenta di elementi legati al tempo in cui è stato scritto, il tempo delle riforme “ad experimentum”, per esempio, esso mantiene tutta la sua attualità nel ribadire il senso vero dell’ubbidienza strettamente connessa alla fedeltà… alla fedeltà a Dio piuttosto che agli uomini.

Ubbidienza e fedeltà