“Silence”, i gesuiti elogiano l’apostasia e l’abiura/2

Silence di Scorsese, tratto dal libro omonimo di Endo, non è un film cristiano fatto da un regista cattolico, bensì una giustificazione della mancanza di fede: l’apostasia, se salva delle vite, diventa un atto di carità cristiana, proprio come il martirio diventa quasi satanico se inasprisce le persecuzioni.

Continua a leggere ““Silence”, i gesuiti elogiano l’apostasia e l’abiura/2″