Il vescovo Cupich promuove la politica omoeretica

Lo tsunami omoeretico soffia anche negli Stati Uniti. Il cardinale Cupich, una delle nomine della filiera McCarrick, ha detto che non fa parte della politica della sua diocesi negare la comunione o il funerale cattolico a persone che si trovano in un’unione omosessuale. E negli Usa preti dichiaratamente LGBT continuano a tenere conferenze.

Continua a leggere “Il vescovo Cupich promuove la politica omoeretica”

Annunci

Il conformista Martin SJ svela un’idea materiale di uomo

Dal discorso del gesuita Martin a Dublino sui “cristiani Lgbt” emerge un’immagine della persona esclusivamente emotiva, passionale, senza alcun progetto o vocazione. Quella di padre Martin è l’antropologia moderna rinascimentale, illuminista e marxista. Che bolla come «omofoba» l’antropologia aristotelico-tomista-cattolica secondo cui l’uomo è una unione inscindibile di anima e corpo, dove le passioni sono al servizio della ragione. Il suo è un rifiuto luciferino della legge naturale, nel cui brodo ora si pretende che si immergano le famiglie cattoliche.

Continua a leggere “Il conformista Martin SJ svela un’idea materiale di uomo”

Cambio dottrinale sulla pena di morte, esulta la lobby gay

Per la lobby gay, impegnata nell’assalto al catechismo della Chiesa, la decisione del Papa sulla pena di morte è una grande vittoria. La notizia è che «la dottrina può cambiare», e può cambiare secondo la mentalità del mondo. Per questo diventa ancora più importante l’Incontro mondiale delle famiglie a Dublino, un test decisivo per capire in che direzione vuole andare il Papa.

Continua a leggere “Cambio dottrinale sulla pena di morte, esulta la lobby gay”

Salviamo l’Incontro mondiale delle famiglie dalla lobby gay

I casi degli Stati Uniti, Cile e Honduras che vedono vescovi e cardinali responsabili di comportamenti omosessuali e abusi, devono fare aprire gli occhi sul potere acquisito dalla lobby gay e che influenzerà anche l’Incontro mondiale delle famiglie (Dublino, 21-26 agosto). Se in Vaticano si vuole recuperare credibilità, deve essere annullato l’incontro con padre Martin e chiedere le dimissioni del cardinale Farrell.

Continua a leggere “Salviamo l’Incontro mondiale delle famiglie dalla lobby gay”

Bergoglio, parole chiare sulla famiglia? Purtroppo no

Davvero papa Francesco, dopo cinque anni, ha detto qualcosa di cattolico sul matrimonio e la famiglia? La risposta è no.

Continua a leggere “Bergoglio, parole chiare sulla famiglia? Purtroppo no”

Gesuiti, quel “di più” sulla Dottrina che viene dal Maligno

Se il gesuita omoretico James Martin parlerà di integrazione, di accoglienza, di accompagnamento e di discernimento la dottrina non verrà formalmente negata ma verrà messa da parte con un “sì, ma”. Ma mettere da parte la dottrina e fare come se essa non fosse vuol dire cambiarla (senza dirlo).

Continua a leggere “Gesuiti, quel “di più” sulla Dottrina che viene dal Maligno”

Nozze e preti gay: il catalogo omoeretico di James Martin SJ

Agli omosessuali non serve la dottrina sulla castità; matrimonio gay come atto di amore; i cattolici che contestano l’omosessualità sono omofobi; necessario ordinare preti gay. Sono alcune delle “perle” omoeretiche del gesuita James Martin, invitato a parlare al Dublino al Meeting delle famiglie.

Continua a leggere “Nozze e preti gay: il catalogo omoeretico di James Martin SJ”

Omoeresia al potere, la Gerarchia cede anche sulla famiglia

All’Incontro mondiale delle famiglie che si svolgerà a Dublino in agosto, parola anche a padre Martin e alle sue rivendicazioni Lgbt. Un segnale chiaro che capovolge il significato di questi incontri che san Giovanni Paolo II aveva voluto per riaffermare l’unicità e insostituibilità della famiglia naturale, fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna.

Continua a leggere “Omoeresia al potere, la Gerarchia cede anche sulla famiglia”

Il blasfemo red carpet con la “benedizione” vaticana

Dietro la blasfema sfilata di star del cinema e della musica all’inaugurazione della mostra Moda & Religione del Met di New York c’è un intreccio fittissimo di rapporti con alti ecclesiastici del Vaticano, tra cui Ravasi, i Musei Vaticani e il gesuita Martin. Vogue ha “corteggiato” il Vaticano per farsi dare 40 paramenti sacri utilizzati dai pontefici. Tra questi anche reliquie di San Giovanni Paolo II e il beato Pio IX. Derive di una Chiesa che per apparire più povera è solo più poverina.

Continua a leggere “Il blasfemo red carpet con la “benedizione” vaticana”

Preti apostati e dove trovarli

«Un sacerdote che non è santo non è solo inutile, ma è anche dannoso per la Chiesa» (San Pio X Papa).

Continua a leggere “Preti apostati e dove trovarli”