Tre vescovi fanno a gara per ridicolizzare la Chiesa

Un modo sicuro per rendere ridicola la Chiesa è secolarizzarla, cioè privare i suoi giudizi del fondamento oggettivo che è la rivelazione di Dio. Un esempio in questi giorni ci viene dal cardinale Turkson e dai vescovi Paglia e Sorondo, pronti a omologarsi alla cultura dominante nei loro interventi pubblici.

Continua a leggere “Tre vescovi fanno a gara per ridicolizzare la Chiesa”

Sinodo, da Pompili a Tornielli, due giorni di parole in libertà

La rabbia di Tornielli per il nostro articolo sugli idoli amazzonici gettati nel Tevere; lo smarrimento dei vescovi al briefing alla domanda sull’evangelizzazione dopo un’ora di catastrofismo ecologista; il vescovo di Rieti che rispolvera le tesi del Club di Roma. Appunti di due giorni di Sinodo.

Continua a leggere “Sinodo, da Pompili a Tornielli, due giorni di parole in libertà”

Video. Card. Brandmuller: eresia e apostasia, ecco chi sono i veri nemici…

Video-catechesi degli amici di Coopertores-Veritatis.org

NON siamo soli a combattere la “buona battaglia” che non è mai contro le persone, ma contro l’errore e contro ogni forma di eresia e di apostasia… Il testo in video sono due e li trovate qui e qui.

Nuovi cardinali tutti di “osservanza” bergogliana

Il coinvolgimento in temi particolarmente cari a questo pontificato — migranti, dialogo con l’islam e lotta alle ingiustizie sociali — sembra essere il filo comune dell’elenco dei 13 nomi scelti per la porpora annunciati da Papa Francesco.

Continua a leggere “Nuovi cardinali tutti di “osservanza” bergogliana”

Francesco? Il papa che divenne l’utile idiota dell’Anticristo

Il giornalista Maurizio Blondet commenta l’intervista rilasciata da papa Francesco al quotidiano filo-massonico La Stampa di Torino il 6 agosto e pubblicata il 9. C’è da, come si suol dire, mettersi le mani nei capelli, perché sembra di sentir parlare l’Anticristo descritto dallo scrittore russo Soloviev.

Continua a leggere “Francesco? Il papa che divenne l’utile idiota dell’Anticristo”

Se anche alle claustrali “non basta più pregare”

A parte i soliti luoghi comuni e la disinformazione su cui si basa, la lettera-appello di decine di monasteri di clarisse e carmelitane scalze a favore dell’accoglienza di tutti gli immigrati, rivela una disistima verso la preghiera, che pure dovrebbe essere il fondamento della vita contemplativa. Un pericolo per tutti i cattolici.

Continua a leggere “Se anche alle claustrali “non basta più pregare””

Psicosi ambientalista e psicosi immigrazionista

Abbiamo bisogno di guarire dalla psicosi immigrazionista e dalla psicosi ambientalista, di ristabilire l’equilibrio nel rapporto con la natura e con il nostro prossimo, vicino e lontano, stabilendo le giuste gerarchie.

Continua a leggere “Psicosi ambientalista e psicosi immigrazionista”

Il problema è teologico: i vescovi non stanno col popolo

I vescovi fanno politica a senso unico come dimostra l’intervista di Repubblica a Bassetti (CEI), che ha usato in chiave politica il Papa: solo interventi sui migranti e nessuno sui pride LGBT “sposati” dal PD. Il bipolarismo ora è tra popolo ed élite. E la Chiesa ha scelto di stare con le seconde. Sono i frutti della nuova teologia, in cui il cristianesimo si esprime in forme politiche: migranti come pellegrini e un magistero di problemi sociali e non spirituali.

Continua a leggere “Il problema è teologico: i vescovi non stanno col popolo”

Il Vaticano scopre una nuova missione: sostituirsi all’ONU

Pace, salvezza del pianeta, sviluppo sostenibile, nuovi fondamenti per l’economia sono i pilastri dell’azione con cui la Santa Sede sta strappando l’iniziativa all’ONU: le conferenze delle Pontificie accademie per le Scienze e per le Scienze sociali e il Dicastero per lo Sviluppo umano stanno esplicitamente promuovendo un’agenda politica globale e anche le iniziative personali del Papa per la pace e la fratellanza umana (Medio Oriente, Sud Sudan, islam) vanno nella stessa direzione. Che fine ha fatto l’annuncio di Gesù Cristo come unico Salvatore dell’uomo?

Continua a leggere “Il Vaticano scopre una nuova missione: sostituirsi all’ONU”

Che “calvario” la Via Crucis in cui Cristo è solo un pretesto

Dedicata ai migranti, alle vittime della tratta, alla Costituzione e persino a Stefano Cucchi: la Via Crucis è ormai un happening in cui Gesù è solo un pretesto per parlare d’altro, fare politica e proclamare manifesti ideologici. Specchio di una Chiesa secolarizzata in cui non è più la Croce di Cristo a dare senso ad ogni dolore umano, ma è il dolore umano a giustificare la croce.

Continua a leggere “Che “calvario” la Via Crucis in cui Cristo è solo un pretesto”