Un monaco teologo rompe il silenzio sulla metamorfosi della Chiesa

La situazione di confusione è palese. Naturalmente c’è chi nega che si tratti di confusione, ritenendo che questo sia il positivo risultato di uno stile di governo ecclesiale teso “ad avviare processi più che a occupare spazi” (cfr. Evangelii gaudium 223). Dunque, il primo discernimento da fare sarebbe proprio sulla natura di questa situazione: la confusione, i disaccordi fra vescovi su punti dottrinali sensibili, possono essere frutti dello Spirito Santo?

Continua a leggere “Un monaco teologo rompe il silenzio sulla metamorfosi della Chiesa”

Annunci

Gesuiti, quel “di più” sulla Dottrina che viene dal Maligno

Se il gesuita omoretico James Martin parlerà di integrazione, di accoglienza, di accompagnamento e di discernimento la dottrina non verrà formalmente negata ma verrà messa da parte con un “sì, ma”. Ma mettere da parte la dottrina e fare come se essa non fosse vuol dire cambiarla (senza dirlo).

Continua a leggere “Gesuiti, quel “di più” sulla Dottrina che viene dal Maligno”

Aldo Maria Valli: Su questo pontificato non si può tacere

Il vaticanista Aldo Maria Valli a colloquio con Cristiano Lugli per la rubrica Zona Franca del giornale on-line Riscossa Cristiana: «Non ho potuto fare a meno di notare, con crescente sconcerto e dolore, uno sbilanciamento nella predicazione di Bergoglio».

Continua a leggere “Aldo Maria Valli: Su questo pontificato non si può tacere”

Peter Hünermann, (a)teologo impresentabile

Il teologo tedesco autore di uno dei volumi celebrativi di papa Francesco sostiene un’interpretazione dell’Amoris Laetitia in chiaro contrasto non solo con il magistero di Benedetto XVI e di Giovanni Paolo II, ma con tutta la Tradizione. Una lettura che demolisce l’impianto della morale cattolica.

Continua a leggere “Peter Hünermann, (a)teologo impresentabile”

Se papa Francesco è storicista…

Secondo i critici di Bergoglio, l’ambivalenza di fondo è un grave limite, perché nega la verità dell’eterna legge divina, mette a repentaglio l’idea stessa che esistano un bene e un male in senso oggettivo e introduce nel magistero dosi massicce di relativismo e soggettivismo.

Continua a leggere “Se papa Francesco è storicista…”

Amoris laetitia e il sacramento perduto

Su Amoris laetitia si è ormai detto di tutto e il contrario di tutto, tanto che tornare a parlarne sembra stucchevole. Tuttavia è innegabile che lì, specialmente nel capitolo VIII, c’è un nodo irrisolto, la cui portata va ben oltre la questione della possibile ammissione alla comunione eucaristica dei divorziati risposati.

Continua a leggere “Amoris laetitia e il sacramento perduto”

Germania, sì all’inter-comunione “caso per caso”

I vescovi tedeschi hanno annunciato la prossima pubblicazione di un documento per consentire la ricezione dell’eucaristia al coniuge protestante sposato con un cattolico. Condizioni e modalità di accesso? Ambigue, secondo il metodo del caso per caso.

Continua a leggere “Germania, sì all’inter-comunione “caso per caso””

Sì e no. La Chiesa e il magico mondo dei giochi linguistici

Fa piacere che anche nella Chiesa ci sia chi si diletta con i giochi linguistici, molto utili, fra l’altro, nel curare i disturbi dell’apprendimento. Un altro bell’esempio arriva dai vescovi dell’Emilia Romagna, che nelle loro preziose Indicazioni sul capitolo ottavo dell’Amoris laetitia, in particolare nella sezione intitolata Il discernimento sui rapporti coniugali, dimostrano di essere già piuttosto avanti nell’uso della ludoterapia linguistica.

Continua a leggere “Sì e no. La Chiesa e il magico mondo dei giochi linguistici”

Contraccezione? Il peccato non è mai un dovere!

Dopo la pubblicazione dell’intervento alla Gregoriana, l’università dei gesuiti, del teologo don Maurizio Chiodi, membro della Pontificia Accademia per la Vita, che teorizza un “dovere” di contraccezione in alcune circostanze, fioccano le prime indignate reazioni.

Continua a leggere “Contraccezione? Il peccato non è mai un dovere!”

Dopo l’adulterio e la contraccezione bisogna sdoganare l’eutanasia

Stairway to hell. Continua l’azione distruttiva. Ora papa Francesco ci dice che, esattamente come nel caso dell’adulterio, “non è sufficiente applicare una regola generale”. Ogni caso va valutato a sé. E colui che deve stabilire se una cura è proporzionata o no è appunto il paziente.

Continua a leggere “Dopo l’adulterio e la contraccezione bisogna sdoganare l’eutanasia”