Perché la “nuova Chiesa” ha fallito

Il fallimento di Bergoglio certifica quello della “nuova Chiesa” uscita dal Concilio. Eppure si procede sulla stessa strada. E dopo Francesco?

Continua a leggere “Perché la “nuova Chiesa” ha fallito”

“Devono accettare il Vaticano II, e basta!”

Questo il tono con cui Francesco si è rivolto a un gruppo di vescovi del Sud della Francia, in visita ad limina a Roma, riguardo il Vetus Ordo Missae.

Continua a leggere ““Devono accettare il Vaticano II, e basta!””

La coerenza di Traditionis custodes

Col motu proprio Traditionis custodes Papa Francesco ha solo portato alle estreme conseguenze la logica del Vaticano II, precisando che l’unica Messa della Chiesa è quella voluta da Paolo VI.

Continua a leggere “La coerenza di Traditionis custodes”

Traditionis custodes: un atto di debolezza

Dopo un’attenta e calma lettura del recente motu proprio Traditionis Custodes, il testo pare non un atto di forza ma di debolezza, un canto del cigno che, prossimo alla fine, canta con voce non più bella ma più forte.

Continua a leggere “Traditionis custodes: un atto di debolezza”

Dal Summorum Pontificum al Traditionis custodes: Come laici inascoltati che fine facciamo?

Con la pubblicazione di questo nuovo Motu Proprio di Papa Francesco (per il quale le nostre preghiere oggi sono e devono esser ancor più intense), invece, sembra che i laici siano stati ridotti ad un nulla, a spettatori passivi di un processo del tutto clericale. Centralismo puro e passività assoluta. Altro che pre-concilio! Altro che Messa antica! Neanche nel Medioevo si era mai giunti a tanto. Anzi, tutt’altro…

Continua a leggere “Dal Summorum Pontificum al Traditionis custodes: Come laici inascoltati che fine facciamo?”

La Tradizione tradita. Intervista al vescovo Schneider su Traditionis custodes.

“Traditionis custodes una vittoria di Pirro. Avrà un effetto boomerang”, afferma mons. Athanasius Schneider in quest’intervista.

Continua a leggere “La Tradizione tradita. Intervista al vescovo Schneider su Traditionis custodes.”

Traditiones custodes, possiamo difenderci dall’aggressione di un papa

I fedeli hanno pieno diritto di difendersi da un’aggressione liturgica, anche quando viene dal Papa.

Continua a leggere “Traditiones custodes, possiamo difenderci dall’aggressione di un papa”

Traditionis custodes: una guerra sull’orlo dell’abisso

Il motu proprio Traditionis custodes può essere considerato un atto più grave dell’esortazione Amoris laetitia. Se la violenza è l’uso illegittimo della forza, il motu proprio di papa Francesco è un atto oggettivamente violento perché prepotente ed abusivo. Sbaglierebbe però chi volesse rispondere alla illegittimità della violenza con forme illegittime di dissenso.

Continua a leggere “Traditionis custodes: una guerra sull’orlo dell’abisso”

“Traditionis custodes”. Il commento di Pietro De Marco

Il prof. Pietro De Marco, in questo suo tagliante articolo inviato al vaticanista Sandro Magister, spiega che i due documenti di Francesco, il motu proprio e la lettera di accompagnamento, fanno «supporre che la fedeltà al “vetus ordo” sia un fatto di minoranze organizzate, tendenzialmente scismatiche», eppure si tratta di un’«ipotesi lontana dalla realtà e priva di ogni discernimento».

Continua a leggere ““Traditionis custodes”. Il commento di Pietro De Marco”