Vaticano nelle mani dell’industria della contraccezione

La Quinta Conferenza Internazionale Vaticana che si svolgerà dal 6 all’8 maggio sul tema della salute ha già fatto scandalo sia per i relatori invitati che per l’immagine che la pubblicizza, un vero e proprio manifesto dell’ateismo pratico. Ma c’è un aspetto ancora più inquietante: principale finanziatore della Conferenza è la Fondazione John Templeton, impegnata nella diffusione della contraccezione e specializzata nel coinvolgimento delle organizzazioni religiose nelle campagne di controllo delle nascite. E la Pfizer, presente alla Conferenza, è anche la produttrice di contraccettivi iniettabili con effetti a lungo termine, che tanti disastri hanno provocato nel Terzo Mondo. Eppure un Motu Proprio di Benedetto XVI proibiva queste commistioni.

Continua a leggere “Vaticano nelle mani dell’industria della contraccezione”

Il dramma di una Chiesa autoesiliata e di un Dio inutile

Anche l’illuminista Il Mulino nota che la Chiesa si è fatta inutile. Ma per la rivista bolognese è un merito perché non serve più la salvezza di Cristo, ma basta una “prossimità religiosa dell’umano”.

Continua a leggere “Il dramma di una Chiesa autoesiliata e di un Dio inutile”

Covid e Vaticano, botta e risposta PAV-Bussola

L’ufficio stampa della Pontificia Accademia per la Vita replica all’editoriale di Stefano Fontana che accusava il documento di riflessione sul Covid-19 di prescindere dalla Rivelazione. E dopo la replica, l’autore ribadisce la sua critica.

Continua a leggere “Covid e Vaticano, botta e risposta PAV-Bussola”

Coronavirus, Silvana de Mari: La Chiesa 3.0 è atea

Chiudono le chiese e restano i bar aperti. “Prendiamone atto: buona parte della Chiesa è atea”: è la durissima e fondata accusa della “leonessa” Silvana De Mari.

Continua a leggere “Coronavirus, Silvana de Mari: La Chiesa 3.0 è atea”

Quei segni di una Chiesa che si è fatta atea

La Chiesa cattolica sta diventando atea? È quasi inevitabile chiederselo. Tutta l’attenzione verte su fatti mondani: la politica, i migranti, i poveri materiali. Dio è sullo sfondo ma secondario: se Gesù fosse venuto per questo, sarebbe inevitabile dire, come facevano i comunisti, che Cristo ha perso: nel mondo non sono cessate, dopo di lui, né le guerre né le ingiustizie; né sono spariti i poveri e gli egoisti.

Continua a leggere “Quei segni di una Chiesa che si è fatta atea”