Chiesa in Germania, l’Afghanistan del Vaticano

La gestione del capitolo abusi da parte del Vaticano sta creando reazioni dure in Germania: ad Amburgo, dopo oltre 5 mesi dalle dimissioni del vescovo, l’amministratore apostolico monsignor Thim in segno di protesta e come sfida a Roma ha sospeso tutti gli organi diocesani. A Colonia invece è il cardinale Voelki ad attaccare la Santa Sede, perché da mesi non si esprime sui risultati della visita apostolica che doveva far chiarezza sulle responsabilità riguardo alle accuse di abusi sessuali.

Continua a leggere “Chiesa in Germania, l’Afghanistan del Vaticano”

29 agosto: Martirio del Battista. Cari pastoralisti, basta con la vostra ipocrisia!

Ah, se ai tempi del Battista ci fosse stata l’Amoris Laetitia… Invece no! Chiediamo ai sostenitori della pastorale contemporanea il silenzio. Ci risparmino l’ipocrisia farisaica!

Continua a leggere “29 agosto: Martirio del Battista. Cari pastoralisti, basta con la vostra ipocrisia!”

Traditionis custodes. I superiori degli istituti tradizionali faranno il punto

I superiori generali degli istituti apostolici che celebrano esclusivamente il Santo Sacrificio della Messa secondo la forma tradizionale del rito romano si riuniranno la prossima settimana per discutere il nuovo decreto di papa Francesco che limita l’uso antico della sacra liturgia.

Continua a leggere “Traditionis custodes. I superiori degli istituti tradizionali faranno il punto”

Paglia scivola di nuovo: sull’eutanasia non si negozia

Il presidente della Pontificia Accademia per la Vita (PAV) parte bene in un’intervista sul referendum radicale, ma commette il grave errore di auspicare una legge sul fine vita che sia condivisa. La solita strategia del male minore che delinea come in casa cattolica non si pensi più a battere l’avversario. Così facendo Paglia sembra non essere persuaso che uccidere l’innocente sia un male per tutti. Un sincretismo valoriale preoccupante.

Continua a leggere “Paglia scivola di nuovo: sull’eutanasia non si negozia”

Dimissioni, atto finale di un papato ormai secolarizzato

Francesco si dimetterà, non per motivi di salute o altro, ma per completare il processo di secolarizzazione del papato da lui intrapreso con decisione. Dal “buonasera” iniziale alle encicliche orizzontali, non resta ora che l’atto finale delle dimissioni come tappa decisiva per portare a termine il processo di secolarizzazione della Chiesa.

Continua a leggere “Dimissioni, atto finale di un papato ormai secolarizzato”

Dimissioni e papa emerito, si prepara un altro pasticcio

Sarebbe ormai imminente un nuovo Motu Proprio per regolamentare il “papato emerito”, un problema canonico effettivamente lasciato aperto da Benedetto XVI. Ma quello che nella mente del predecessore doveva rimanere un’eccezione, per Francesco diventerebbe un’istituzione, con tutti i problemi che questo comporta: perché per sua natura solo una persona può assumere il titolo di Papa. E la ventilata ipotesi di un pensionamento a 85 anni sarebbe un colpo al cuore dell’ufficio petrino.

Continua a leggere “Dimissioni e papa emerito, si prepara un altro pasticcio”

Mors tua vita mea, un contributo alla confusione

Avevamo una certa attesa per il libro di recente pubblicazione, a cura del professor Massimo Viglione, Mors tua vita mea – il fine non giustifica i mezzi, con sottotitolo Sulla illiceità morale dei vaccini che utilizzano linee cellulari di feti vittime di aborto volontario (Edizioni Maniero del Mirto, pp. 334, 28 euro). Cercheremo di spiegare distesamente perché questa attesa è stata delusa.

Continua a leggere “Mors tua vita mea, un contributo alla confusione”

Guareschi e la “parabola” delle mele

Nell’ultima opera di Guareschi la contestazione colpisce il “mondo piccolo” a suon di neolingua e ideologia che non si arrestano neanche di fronte al Cristo dell’altar maggiore. Ma dichiarare guerra al passato in vista dei frutti che verranno può riservare amari raccolti.

Continua a leggere “Guareschi e la “parabola” delle mele”