«A Bergoglio interessa solo il potere»

Pubblichiamo l’intervista fatta da Gloria.TV al docente universitario argentino José Arturo Quarracino, nipote del cardinale Antonio Quarracino, l’arcivescovo di Buenos Aires che volle proprio ausiliare il gesuita Jorge Mario Bergoglio. Non condividiamo tutte le affermazione del prof. Quarracino, soprattutto riguardo la politica, ma descrive molto bene la personalità del papa regnante.

José Arturo Quarracino

Venerdì 7 gennaio 2022 — José Arturo Quarracino, nato a Buenos Aires nel 1953, è un parente del cardinale di Buenos Aires Antonio Quarracino (+1998). José Arturo è laureato in filosofia (Università di Buenos Aires, facoltà di filosofia e letteratura), insegnante e traduttore freelance. È coinvolto nella vita politica argentina e nel movimento pro-vita, si interessa di storia, religione, teologia e politica (…). È sposato e ha avuto tre figli. Suo figlio è morto all’età di 28 anni, un figlio prima della nascita.

Lei era imparentato con il cardinale di Buenos Aires Antonio Quarracino che ha fatto diventare vescovo ausiliare padre Jorge Mario Bergoglio?
Sono il primo di cinque nipoti del Cardinale. Mio padre era suo fratello minore, di 5 anni più giovane. Il Cardinale era anche il mio padrino.

Questo ha creato un legame speciale?
Sì, ci apprezzavamo molto, come è normale nelle famiglie con radici italiane come la nostra. A parte il periodo in cui era segretario generale della Conferenza episcopale latinoamericana (CELam) e viveva a Bogotà (Colombia) — sede dell’organizzazione — i contatti e gli incontri con la nostra famiglia erano frequenti. Era un buon zio per tutti i suoi nipoti e ci visitava ogni volta che poteva.

Il card. Antonio Quarracino

Che tipo di arcivescovo era?
Era di buon cuore e aveva un orecchio aperto per i bisogni degli altri, perché sentiva i bisogni degli altri come suoi. Era molto allegro, gioioso e amorevole. Nel 1962, all’età di 39 anni, fu nominato vescovo di 9 de Julio, una città dell’interno della provincia di Buenos Aires, il più giovane vescovo in Argentina. In seguito fu vescovo di Avellaneda, arcivescovo di La Plata (capitale della provincia di Buenos Aires) e infine cardinale arcivescovo di Buenos Aires. In questi uffici, fu sempre pastore del gregge e padre dei sacerdoti di cui era responsabile. Trattava tutti allo stesso modo, non ostentava mai la sua carica e i suoi titoli, e sapeva essere semplice e affabile con i sacerdoti e con tutti i fedeli. Quando doveva esercitare l’autorità, lo faceva con fermezza e misericordia.

Che tipo di eredità ha lasciato?
Il suo funerale ha mostrato che tipo di prete era. C’è stata una veglia di tre giorni nella cattedrale con Messe celebrate dalla mattina presto fino alle 19, una ogni ora, con una processione infinita di persone di tutti i ceti sociali che passavano davanti alla sua bara per rendergli omaggio. Durante la sua vita è stato un vero sacerdote (alter Christus) che ha servito il nostro Salvatore e la sua Chiesa con totale rinuncia, senza cercare il proprio vantaggio. Venerava molto Nostra Signora di Luján, patrona della nostra amata Repubblica Argentina. Come vescovo, è stato un buon padre e consigliere di molti sacerdoti nelle quattro diocesi di cui era responsabile.

Bergoglio era lontano da Buenos Aires quando il card. Quarracino lo fece vescovo ausiliare…
Questo è corretto. Nel 1992, Bergoglio fu “bandito” a Cordova dai gesuiti per tenerlo lontano da Buenos Aires, dove aveva servito come provinciale per diversi anni. La fine del suo mandato fu segnata da grandi divisioni interne tra i suoi amici e oppositori.

Quarracino e Bergoglio

Perché suo zio ha scelto Bergoglio?
Mio zio lo aveva conosciuto nel 1973 o 1974 quando era Provinciale. La persona che gli parlò per “salvarlo dal suo esilio” era uno dei maestri di Begoglio nella Compagnia di Gesù, padre Ismael Quiles SJ, un santo gesuita. All’epoca, Bergoglio non stava bene, sia spiritualmente che psicologicamente. Ecco perché mio zio chiese alla Santa Sede che fosse un vescovo ausiliare, anche se ce n’erano già altri. Il libro di Austen Ivereigh, Tempo di misericordia, descrive in dettaglio quanto duramente mio zio abbia dovuto lavorare per convincere la Santa Sede a nominare Bergoglio vescovo.

Questo significa che Bergoglio è stato fatto vescovo per pietà?
Mio zio conosceva abbastanza bene P. Ismael Quiles, che lo avvicinò a Bergoglio, e apprezzava Quiles come un eccellente sacerdote e gesuita esemplare. A parte i conflitti interni con i gesuiti, Bergoglio trasmetteva l’immagine di un uomo pio, molto ignaziano, con uno stile di vita molto austero che sviluppava molta simpatia per coloro che gli “piacevano”. Questa nomina ha anche risolto il grande problema di Bergoglio, cioè l’enorme conflitto che aveva con molti gesuiti che erano stati suoi amici e dai quali aveva preso le distanze.

Ismael Quiles SJ

Chi era padre Quiles?
Era uno dei gesuiti più rispettati in Argentina, un grande intellettuale e un vero gesuita. Tradusse più della metà della Summa Theologica di S. Tommaso d’Aquino in spagnolo, una traduzione ispirata da un altro grande sacerdote gesuita, P. Leonardo Castellani. Quiles è stato uno dei maestri spirituali di Bergoglio quando è entrato nei gesuiti.

Sapete perché Bergoglio, come provinciale, ha causato delle divisioni?
Non conosco i dettagli, ma da lontano penso che sia stata la sua personalità a portarlo in conflitto con i suoi confratelli, perché ha sempre aspirato al potere. Viveva questo desiderio appoggiandosi ai sacerdoti più giovani e ai novizi, non tanto ai confratelli più anziani ed esperti. Dopo la fine del suo mandato come provinciale, si comportò come se fosse ancora in carica, il che indebolì l’autorità dei nuovi superiori, sia nella direzione dei gesuiti che nella facoltà di teologia di San Miguel, la sede storica della Compagnia di Gesù, dove i gesuiti venivano educati. Molto è stato scritto sul confronto di Bergoglio con i gesuiti dopo la fine del suo periodo come provinciale. Quello che pochi dicono, forse per motivi di discrezione, è che coloro che più lo hanno affrontato erano i suoi collaboratori o compagni nella gestione dell’Ordine. Alcuni di loro erano suoi amici molto stretti che lo rispettavano e lo apprezzavano. Erano persone serie, con personalità proprie, che non potevano essere manipolate o ricattate.

Che impressione ha lasciato Bergoglio come vescovo ausiliare?
Il vescovo ausiliare Bergoglio ha saputo conquistare la stima di gran parte del giovane clero con la sua semplicità, la sua pietà, la sua guida premurosa e psicologica, che esercitava come nessun altro — spesso in meglio, in alcuni casi in peggio. Verso coloro che non gli andavano a genio, era spesso duro, persino crudele. Si mise sottilmente in disparte dal clero più anziano per promuovere i suoi amici e i suoi giovani protetti.

Il vescovo ausiliario Bergoglio era diverso dal provinciale Bergoglio?
In generale, non appariva così tanto e non aveva così tanti compiti di leadership come quando era provinciale. Tuttavia, a volte mostrava un comportamento cospicuo. Per esempio, poteva interrompere improvvisamente tutti i contatti senza che la persona in questione sapesse cosa aveva fatto di male.

Quarracino e Bergoglio

Il cardinale Quarracino andava d’accordo con il suo vescovo ausiliario?
Direi molto bene. Bergoglio piaceva molto a mio zio. Nella sua posizione, Bergoglio gli è stato di grande aiuto, soprattutto nella cura pastorale quando mio zio soffriva di malattie che limitavano la sua mobilità. Per due anni non poteva camminare e doveva usare una sedia a rotelle. Ma un giorno, miracolosamente, recuperò la mobilità delle gambe.

Non c’erano altri vescovi ausiliari?
Negli ultimi decenni, l’arcidiocesi ha sempre avuto diversi vescovi ausiliari. Anche se il territorio diocesano è piccolo, ci vivono circa tre milioni di persone. Ci sono 251 parrocchie, 54 congregazioni maschili e 121 femminili, zone con condizioni abitative precarie, ecc. L’arcidiocesi è stata poi divisa in quattro vicariati con i rispettivi vescovi ausiliari. Per la cura dell’arcidiocesi erano indispensabili 4 o 5 vescovi ausiliari. Bergoglio ha saputo distinguersi dagli altri vescovi ausiliari fino a quando è stato nominato vicario generale. Negli ultimi anni di vita di mio zio, divenne vescovo coadiutore con diritto di successione. Di conseguenza, divenne immediatamente arcivescovo dopo la morte di mio zio.

Dopo il Vaticano II, in molti paesi, i conformisti si sono separati dai cattolici. È stato così anche in Argentina?
No, la fase post-conciliare in Argentina è stata caratterizzata dalla grande maggioranza che è rimasta fedele all’insegnamento cattolico. C’è stato chi si è rivolto alla teologia della liberazione, che in molti casi ha portato a un impegno politico verso il marxismo e in alcuni casi alla lotta armata. Ma la maggior parte dei laici è rimasta fedele agli insegnamenti della Chiesa, soprattutto nell’interno del paese, dove è forte e viva la devozione alla Madonna e ai santi patroni delle varie province argentine.

E oggi?
Negli ultimi anni, l’influenza spirituale e culturale della gerarchia è molto diminuita. Seguendo l’esempio di Roma, i vescovi si sono adattati allo spirito del mondo. Con poche onorevoli eccezioni, hanno lasciato il popolo di Dio come pecore senza pastore. Oggi, la voce dei vescovi non si sente quasi più e non ha alcun peso in Argentina e nella vita dei fedeli. Nell’Arcidiocesi di Buenos Aires e in alcune diocesi circostanti ci sono i cosiddetti curas villeros, sacerdoti che lavorano in quartieri molto poveri, molto meritevoli nel loro lavoro sociale e di aiuto al vicinato, ma generalmente con una scarsa formazione teologica.

Come ha percepito Bergoglio come vescovo ausiliare?
Dal 1995 al 2002 ho lavorato nell’ambiente di Bergoglio. Era cancelliere dell’Università del Salvador, dove lavoravo. In quel periodo, ha mantenuto un profilo molto gesuita, molto pio, molto pastorale, anche se il confronto aspro con i gesuiti continuava. Si arrivò al punto che quando Bergoglio divenne vescovo ausiliare, l’Ordine dovette nominare un gesuita colombiano, P. Álvaro Restrepo, come provinciale perché nessun gesuita argentino andava d’accordo con Bergoglio. Fu uno scontro “all’ultimo sangue”, come si dice in Argentina.

Bergoglio era un “conservatore”?
Dogmaticamente, Bergoglio ha coltivato un profilo ortodosso con molti accenti gesuitici. Nella pastorale, ha enfatizzato i problemi sociali, la cura dei bambini e delle famiglie, il servizio ai poveri, con molta liberalità e lassismo in materia liturgica e sacramentale.

Bergoglio è cambiato quando è diventato arcivescovo?
Il suo approccio cambiò completamente. Per prima cosa si sbarazzò dei collaboratori più importanti di mio zio, come mons. José Erro, il rettore della Cattedrale di Buenos Aires, un santo sacerdote, al quale disse per telefono di dimettersi e ritirarsi — senza considerazione, senza ringraziamenti. Penso che l’abbia fatto per mostrare al clero di Buenos Aires che la direzione dell’Arcidiocesi stava per cambiare radicalmente. Ha spazzato via tutto ciò che suggeriva una continuità con il periodo precedente, anche se ha fatto attenzione a conservare qualcosa dell’eredità di mio zio.

L’amichevole vescovo ausiliario è diventato improvvisamente un arcivescovo malvagio?
Molti sono rimasti scioccati dal fatto che Bergoglio come arcivescovo ha quasi sempre messo una faccia imbronciata, amara, triste, una “faccia d’aceto”, come la chiama ora, quando parla degli altri. Era molto impressionante vedere questa faccia durante le celebrazioni liturgiche. Nessuno sapeva spiegare la ragione di questo modo di apparire, che faceva male ad alcuni. D’altra parte, si notava che dopo la sua elezione a Papa, cominciò a mostrare un volto allegro e gioviale, che prima non si vedeva quasi mai, tanto che alcuni si chiedevano se la sua ambizione insoddisfatta di diventare Papa lo motivasse durante il suo periodo a Buenos Aires. Era comune per i fedeli commentare la faccia acida che Bergoglio mostrava in tutte le attività pubbliche. Un parroco di cui si fidava, per metà scherzando e per metà seriamente, gli chiese di non fare più visite pastorali se aveva intenzione di apparire con una “faccia d’aceto”.

Come ha governato Bergoglio a Buenos Aires?
Cominciò a prendere le distanze da tutti coloro che non conosceva e che non appartenevano alla sua cerchia di amici, ed era noto per il fatto che nessuno sapeva cosa pensasse veramente, poiché diceva sempre a ogni interlocutore quello che voleva sentire….

Quando è diventato visibile che il Bergoglio ortodosso era diventato eterodosso?
Non nei primi anni. Ma col passare del tempo, cominciò a mostrare segni di un certo “rilassamento”, non tanto in quello che diceva, ma in quello che faceva. Non divenne veramente eterodosso fino a un anno e mezzo dopo il suo insediamento come arcivescovo, nel febbraio 1998. Era una settimana prima dell’apertura ufficiale dell’Anno Giubilare 2000, nel Natale 1999. Quel giorno, il 18 dicembre di quell’anno, Bergoglio invitò l’Arcidiocesi di Buenos Aires a celebrare una “Messa del Millennio” (non del Giubileo) in previsione dell’iniziativa papale, che non aveva nulla a che vedere con la celebrazione della Chiesa universale.

Perché?
Credo che abbia fatto questo per mostrare al “mondo dei potenti” che era abbastanza autonomo da agire indipendentemente dalla Chiesa universale, pur rispettando la forma.

Come Bergoglios affrontava i problemi sociali?
A livello sociale, diede sempre più importanza al lavoro di soccorso nelle baraccopoli urbane, che più tardi chiamò la “Chiesa in uscita”, ma con la raccomandazione — o la richiesta — che l’attenzione non dovesse essere rivolta alla diffusione della fede o alla cura pastorale dei sacramenti.

Come fu il suo impatto politico?
Politicamente, ha mantenuto relazioni praticamente con tutto lo spettro, senza impegnarsi in nessun settore particolare. In questo senso, il confronto che ebbe con l’allora presidente Néstor Kirchner fu notevole, probabilmente perché entrambi erano personalità molto simili che volevano mantenere tutto il potere nelle loro mani.

Come si è sviluppato il seminario di Buenos Aires sotto Bergoglio?
Da quello che so dai seminaristi che furono costretti a trasferirsi in altre diocesi, il seminario — a quel tempo uno dei più importanti del paese in termini di formazione accademica — cominciò ad abbassare il livello della formazione teologica e ad accentuare la “formazione pastorale”. Il risultato fu che i nuovi sacerdoti divennero sempre più operatori sociali, con una o due eccezioni, ma con una formazione teologica e intellettuale ridotta. Bergoglio ha proibito ai seminaristi di indossare la tonaca, sia dentro che fuori il seminario. Ha fatto lo stesso a Roma, come vescovo di Roma.

È vero che si dice che Bergoglio abbia “coperto” abusi omosessuali?
Purtroppo, sì, perché questo riguardava spesso persone che gli erano vicine. Si è parlato molto del caso di un prete di cui si fidava molto e che era noto per le sue tendenze omosessuali. Bergoglio lo ha “aiutato” mandandolo a Roma qualche anno prima di diventare Papa, tra l’altro perché questo gli ha permesso di apprendere molte informazioni riservate dalla Santa Sede. Non bisogna dimenticare che questo tipo di personalità tende a raccogliere informazioni di ogni tipo, informazioni alle quali Bergoglio era interessato.

Ha informazioni di prima mano su questi casi?
Nell’aprile 2001, pochi mesi dopo la sua elevazione a cardinale, un impiegato dell’Universidad del Salvador, di cui era Gran Cancelliere, lo informò che una persona molto vicina a Bergoglio, che non solo lavorava in questa casa di studi ma era anche un impiegato statale, aveva distribuito foto pornografiche ai membri dell’università. Questa persona ha potuto continuare a lavorare per diversi anni senza problemi, mentre la persona che aveva portato la cosa all’attenzione di Bergoglio è stata licenziata senza motivo alcuni mesi dopo.

Nel 2004, Bergoglio ha consacrato il famoso vescovo di San Rafaél, Eduardo Taussig? Lo conosce?
Negli anni ’90 ho conosciuto il reverendo Taussig, che mio zio aveva nominato pastore della chiesa di San Lucas, una parrocchia universitaria per tutta l’arcidiocesi. Taussig proviene da una famiglia molto distinta in campo cattolico. Suo padre era un uomo esemplare. Taussig si atteneva alla sana dottrina ed era un ottimo sacerdote. Dopo il 2002 non ho più avuto contatti con lui. Certo, mi ha sorpreso la cattiva gestione del seminario della sua diocesi, uno dei migliori, se non il migliore del paese. È ovvio che ha preferito sottomettersi al “capo” nel conflitto tra Bergoglio e il suo gregge. Così facendo, ha mostrato un lato che non era mai venuto alla luce prima.

A proposito di Bergoglio, tutti parlano di peronismo….
Che Bergoglio sia un peronista è detto molto spesso, ma non è vero. È vero che dopo la sua elezione a Provinciale dei Gesuiti è stato vicino a un gruppo peronista, la Guardia de Hierro. Questo arrivò al punto che rinunciò alla direzione e all’amministrazione dell’Università del Salvador e, in accordo con P. Pedro Arrupe, il superiore generale dei gesuiti, la consegnò a laici, pur mantenendo il controllo finale. Questa esperienza non finì bene qualche anno dopo, poiché era impossibile che due organizzazioni — una politica e l’altra religiosa — potessero coesistere nello stesso ambiente universitario accademico. Da questa esperienza nacque il mito che Bergoglio fosse stato membro di questo gruppo peronista. Quando Bergoglio ha incontrato la Guardia de Hierro, era già provinciale, con una corrispondente posizione ecclesiastica; quindi, sarebbe stato impossibile per lui essere coinvolto in un raggruppamento politico.

Qual è lo stato del peronismo nella chiesa argentina?
Il Peronismo aveva e ha tuttora una pessima reputazione nella Chiesa argentina. Soprattutto a causa di gravi errori da parte del peronismo e della Chiesa, che portarono ad un brutale scontro nel 1955, abilmente pianificato e manipolato dalla Gran Bretagna. Perché? Per impedire il successo di un processo politico che si identificava chiaramente con l’insegnamento cattolico nella teoria e nella pratica: l’introduzione dell’educazione religiosa cattolica nelle scuole pubbliche, la costruzione di seminari in diverse diocesi, il riconoscimento dell’opera missionaria della Spagna cattolica in America, la realizzazione di congressi eucaristici, la consacrazione dell’Argentina a Nostra Signora di Luján, ecc. Eva Duarte de Perón, moglie del presidente Perón, fu ricevuta con grande solennità da Pio XII durante il suo viaggio in Europa, come riconoscimento dell’opera che il governo argentino stava facendo in quel momento.

Evita Peron in Vaticano

È d’accordo con questa valutazione negativa del peronismo?
No. Il peronismo è stato la realizzazione e l’attuazione della dottrina sociale della Chiesa, dalla quale il suo fondatore ha tratto l’ispirazione per la sua azione politica e che ha sempre indicato pubblicamente come base della sua politica. Basta leggere il testo postumo di Juan Domingo Perón che costituisce la sua eredità politica — Modello argentino per il progetto nazionale –, la preghiera da lui pronunciata in onore della Madonna di Luján nella Plaza de Mayo il 15 novembre 1953, o i discorsi della sua seconda moglie Eva Perón in Spagna nel 1947, in cui il cristianesimo viene presentato come fonte e fondamento non solo di ogni organizzazione sociale, ma anche come creatore di cultura e civiltà.

Era pietà o tattica politica?
In entrambi i casi si trattava di vera pietà. Anche prima di diventare presidente, Perón era un terziario dell’Ordine Mercedario. Non lo nascose mai, tanto che lo stemma mercedario era esposto all’ingresso della sua casa in esilio a Madrid. Eva Perón era terziaria dei francescani. Fino alla sua morte, avvenuta nel luglio 1952, il suo confessore fu padre Hernán Benítez, un ex gesuita. Dopo la sua morte, non si è mai stancato di parlare della profonda fede cristiana che Eva Perón professava.

Cosa pensa personalmente del peronismo?
Vi racconterò un’esperienza personale. Perón morì lunedì 1° luglio 1974. Qualche giorno dopo andai a trovare mio zio, che all’epoca era vescovo di Avellaneda, una diocesi adiacente all’arcidiocesi di Buenos Aires. Mi disse che quel giorno aveva celebrato la messa nella cattedrale e la chiesa era piena di fedeli come se fosse stata una domenica. Un amico parrocchiano scrisse una parte di ciò che mio zio disse nell’omelia e me la diede da leggere. Il Vangelo era di Matteo, dove Cristo dice: “Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere”. Mio zio disse: “Oggi possiamo essere sicuri che l’anima del generale Perón riposa in cielo, perché evidentemente ha compiuto queste parole del Vangelo”. Se il Peronismo non fosse esistito, l’Argentina sarebbe quasi certamente diventata un satellite dell’Unione Sovietica, come Cuba.

Suo zio era peronista?
Mio zio non aveva simpatia per Perón. Era molto sospettoso nei suoi confronti. In quel momento gli chiesi se potesse darmi una copia del testo, ma si rifiutò. Quel giorno aveva parlato come un sacerdote che celebrava il mistero dell’Eucaristia, non come un vescovo. Pur apprezzando molto gli aspetti teorici del peronismo con le sue profonde radici cristiano-cattoliche, non fu mai un peronista.

Perché era sospettoso?
Gliel’ho chiesto alcune volte, ma non mi ha mai dato una risposta chiara. È vero che Perón ha agito spesso con un’astuzia difficile da contrastare. Ha fatto anche alcuni errori come il conflitto con la Chiesa, benché fosse un conflitto con alcuni vescovi, mai con la fede del popolo argentino, che era profondamente cristiana e mariana.

Come si può caratterizzare il peronismo?
Al di là della persona di Perón, il suo movimento politico ha rappresentato e rappresenta tuttora la possibilità più forte e concreta di una pratica politica ispirata a una dottrina profondamente cristiana e umanista. Il peronismo era ed è il modo argentino di creare un sistema sociale e politico in cui la realizzazione personale va di pari passo con la realizzazione del destino storico del paese, che non è altro che l’istituzionalizzazione di una comunità organizzata in cui tutti collaborano alla realizzazione del bene comune, non solo in favore di una minoranza, ma per tutti. Culturalmente, il peronismo è l’espressione di un profondo nazionalismo culturale che non è sciovinista, ma cerca di raccogliere il meglio del mondo dello spirito, delle idee e dei sensi della storia culturale occidentale per combinarlo con le peculiarità del popolo argentino, che ha radici indigene, ispaniche e creole.

Perché il Peronismo è controverso?
Da un lato, a causa del già citato scontro sanguinoso del 1955, quando ci furono cattolici che si opposero al peronismo con le armi e formarono organizzazioni di guerriglia simili a quelle che seguirono negli anni ’60. I militanti che realizzarono un attentato al palazzo del governo di Buenos Aires si identificarono con l’insegna “Cristo vince”. D’altra parte, furono commessi gravi errori da parte del peronismo, come il conflitto con la Chiesa, che dovette finire male per entrambe le parti, per la gioia dell’imperialismo monetario internazionale, che non ha ideologia ma è liberale, ateo, marxista o progressista, a seconda del suo opportunismo. Per 18 anni, questo potere ha governato il paese, spodestando sia il peronismo che la Chiesa. Oggi il problema è che il peronismo viene preso per quello che abbiamo visto dal 1983, anno della “restaurazione della democrazia”, fino ad oggi. Ma questo non è altro che una caricatura di questo movimento politico, un progressismo insipido e spregevole, con le onorevoli eccezioni che sempre esistono. Questo declino può essere paragonato all’attuale declino della Chiesa, amministrata da persone che stanno agli antipodi della vera Chiesa di Cristo.

Juan Domingo Peron

Il peronismo consiste nel dire a tutti quello che vogliono sentire?
Lei cita qui la caricatura del peronismo. Molti credono che Perón abbia parlato con tutti dopo la sua caduta nel 1955 e fino al suo ritorno in Argentina nel 1973 perché li cercava. In realtà, riceveva chi voleva parlare con lui. Non cercò mai nessuno, ma tutti cercarono lui, soprattutto quando i tentativi di governare il paese senza Perón e il peronismo erano falliti. Perón tornò al suo paese senza cercare vendetta o castigo.

Lei personalmente ha avuto qualcosa a che fare con il peronismo?
Sì. Quando Perón tornò in Argentina, io avevo 19 anni e avevo cominciato a far parte dei circoli a cui si rivolgeva Bergoglio. Una delle frasi di Perón che mi colpì particolarmente all’epoca fu: “Per fare una rivoluzione, hai bisogno o di sangue o di tempo; se vuoi risparmiare sangue, devi usare tempo, e per risparmiare tempo, devi essere pronto a versare sangue”. Dal suo ritorno, Perón non ha mai propagandato la via del sangue. Ma è vero che alcuni hanno fatto ricorso a mezzi in suo nome che lui ha sempre rifiutato.

Il neo eletto papa Francesco con Cristina Kirchner

Quali erano i rapporti del cardinale Bergoglio con il governo?
Bergoglio ha flirtato con il mondo peronista, ma ha flirtato anche con il mondo liberale e progressista, sempre nella misura in cui gli conveniva. Si è sempre trovato bene con i governi di Buenos Aires, male con il presidente Kirchner, molto bene con il suo successore, Cristina Kirchner, al punto da farla incontrare con George Soros.

Recentemente Henry Sire (“Il dittatore dei papi”) ha rilasciato una lunga intervista a Gloria.tv. Cosa pensa del suo libro?
Quando il libro è uscito, ho potuto leggere alcuni estratti. Non ho mai tenuto il libro intero tra le mani. Sono rimasto sorpreso dalla conoscenza e dalla precisione dell’autore e impressionato dal coraggio che ha dimostrato nel pubblicarlo.

Francesco riceve in Vaticano Lynn Forester e alcuni membri del Consiglio per il Capitalismo Integrativo

E la sua intervista a Gloria.tv?
Ho avuto il privilegio di leggere l’intervista in anticipo, grazie alla gentilezza di Gloria.tv, e sono completamente d’accordo con quanto detto da Henry Sire in entrambi i casi, meno con quanto dice sul peronismo. Per capire Bergoglio, bisogna tener conto dei suoi legami con la Casa di Rothschild attraverso il Consiglio per il Capitalismo Integrativo. Ciò che Sire e altri attribuiscono al “peronismo” di Bergoglio proviene in realtà dalla baronessa Lynn Forester, terza moglie di Sir Evelyn de Rothschild: il concetto di inclusione, il grido dei poveri e il grido della Madre Terra, ecc., concetti familiari al mondo oligarchico che questa signora rappresenta.

Qual è la funzione di Bergoglio in questo Consiglio?
La baronessa Lynn Forester ha detto in un’intervista che il suo Consiglio per il Capitalismo Integrativo è la prosa per cui la presenza di Bergoglio ha fatto la musica. Così, Bergoglio è il buffone di un gruppo plutocratico che vuole dare al capitalismo un “volto umano” perché questa gente è consapevole di essere diventato iper-miliardari mentre il 90% della popolazione mondiale ha ricevuto qualche briciola della ricchezza che tutti produciamo. Bergoglio fa l’attore politico, più che il Vicario di Cristo – titolo a cui ha rinunciato nell’edizione 2020 dell’Annuario Pontificio. Questo avviene sulla base del gesuitismo, che conserva le forme ma cede i contenuti. Bergoglio stesso ha detto che nelle sue decisioni si affida “al suo istinto e allo Spirito Santo” e non tiene conto della Sacra Scrittura, della Tradizione e del Magistero.

Ci sono esempi di questo comportamento?
Nel 2014, ha spinto per un incontro tra l’allora presidente Cristina Kirchner con George Soros, che è avvenuto pochi mesi dopo. Ma non si è mai interessato di un medico argentino che è stato condannato nel 2018 da un tribunale provinciale (Rio Negro) per non aver eseguito un aborto – che era illegale ma “permesso” da un ordine ministeriale. Questo medico ha salvato due vite, quella di una giovane madre che stava per abortire e stava per morire, e la vita di suo figlio. Bergoglio, inoltre, non ha mai incoraggiato i movimenti pro-vita che lottano contro la legalizzazione dell’aborto. Al contrario, ha inviato parole di incoraggiamento ai politici di sinistra che affrontavano cause penali e civili, anche se erano nemici della Chiesa.

Francesco ha definito la femminista abortista Emma Bonino “grande italiana”.

Si dice che il cardinale Bergoglio abbia avuto dei segretari che frequentavano la messa di Pio X. Bergoglio sembra anche difendere la Società di San Pio X. Come si inserisce questo nel quadro?
È sempre stato tipico di lui giocare con gli opposti e cadere da un estremo all’altro. Un giorno è ortodosso, condanna l’aborto davanti a un gruppo di medici cattolici e lo chiama omicidio su commissione. Il giorno dopo riceve Emma Bonino, ovvero il presidente argentina abortista. Questo è sempre stato il gioco astuto di Bergoglio. Questo modo gli permette di non essere etichettato, anche se questa tattica è di breve durata. Puro gesuitismo.

Gesuitismo significa doppiezza…
Si noti che Bergoglio ha iniziato il suo pontificato chiamando la secolarizzazione spirituale e la spiritualità secolarizzata il più grande problema della Chiesa, per poi finire per rendere la Chiesa un’organizzazione secolarizzata: la Basilica di San Pietro come museo, la dottrina omosessualista, gli attacchi contro la Tradizione della Chiesa, il culto Pachamana, ecc. Questo è il gesuitismo, che conserva la forma “gesuitica” ma senza il contenuto. La “Compagnia di Gesù” è mutata in una “Compagnia Iscariota”.

La tendenza all’omosessualismo di Bergoglio era già visibile in Argentina?
Per quanto ne so, no. Questo avrebbe reso impossibile la sua elezione a Papa. Però, ci sono casi noti di sacerdoti che hanno mostrato un tale comportamento e hanno sempre potuto contare sulla protezione discreta di Bergoglio. Ha iniziato a farlo apertamente solo quando è arrivato alla cattedra di Pietro, per esempio, quando ha dato rifugio e protezione politica ed ecclesiastica a qualcuno come il vescovo Zanchetta.

Può confermare che Francesco seleziona collaboratori estorti e controllabili?
Purtroppo, sì, e a tutti i livelli, a parte il fatto che si è sempre circondato di personalità mediocri, sottomesse e servili. Lo stile di leadership di Bergoglio è quello di un despota che non permette né contraddizioni né giudizi indipendenti.

Una domanda personale: Lei ha avuto tre figli, due dei quali sono morti. Cosa dice ai genitori che subiscono un destino così terribile?

Attraverso il Sacramento dell’Ordine, il sacerdote diventa “un altro Cristo”, mentre attraverso il Sacramento del Matrimonio, noi persone sposate diventiamo collaboratori di Dio nella procreazione della vita. Il Salmo 127 dice che la benedizione e l’eredità di Dio nella vita è data attraverso i figli. Perdere un figlio all’età di 28 anni, una persona straordinaria e piena di bontà, come era nostro figlio Juan José, è stato per me e mia moglie il colpo più pesante che abbiamo dovuto subire. Grazie alla fede che abbiamo saputo accrescere nel corso della nostra vita, mia moglie ha potuto aggrapparsi alla Madre e partecipare al suo dolore ai piedi della croce da cui è stato tolto il corpo senza vita del suo Figlio divino. Potevo sentire un dolore simile a quello che Dio provò come Padre quando vide Suo Figlio sulla via della morte. Non lo ha impedito perché sapeva che era così che noi umani avremmo raggiunto la salvezza dopo la resurrezione di Cristo. Immergermi in questo dolore mi ha permesso di affrontare il duro colpo di trovare mio figlio morto sulla soglia di casa mia, per sua scelta, perché aveva perso la speranza di poter affrontare una malattia che non poteva dominare. Così come ho sofferto il grande dolore della sua partenza in quel momento, Dio mi ha dato la grazia della consolazione di poter condividere il dolore divino della partenza di suo figlio nella morte, permettendomi di guardare con gli occhi della fede in quel mondo in cui andiamo quando lasciamo questo mondo. In quel mondo nostro Figlio vive circondato dai santi che sono con lui per l’eternità. Come ho imparato dal cardinale Joseph Ratzinger, il segreto della vita cristiana è trasformare un male che soffriamo in un bene che porta frutto per gli altri, perché alla fine tutto quello che ci succede nella vita è grazia, se viviamo la fede pienamente come il Signore ci chiede, con dignità e senza comodità. La partenza di nostro figlio ha significato per me mostrargli ogni giorno l’amore e la gentilezza che lui ha mostrato a tutti quelli che lo circondavano, nella speranza di poterci incontrare in cielo e fonderci in un abbraccio eterno dopo aver compiuto sulla terra la missione a cui Dio mi ha chiamato per il suo maggior onore e gloria.

(fonte: gloria.tv)


Raccolta fondi di gennaio 2022

Pubblicità

Un pensiero riguardo “«A Bergoglio interessa solo il potere»

  1. Non sono d’accordo con il nipote del Card. Quarracino
    Quando nel 1955 Però da presidente autorizzò o obbligò a bruciare le chiese più importanti di Buenos Aires, noi ragazzi del Azione Cattolica c’eravamo, non così Bergoglio che faceva il buttafuori nelle disco
    portenias.
    Quando c’è da giocarsi li no c’è mai stato

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...