Il “Cammino sinodale” tedesco è un cammino verso l’apostasia. Lutero non avrebbe saputo fare di meglio

La conferenza episcopale tedesca, la più ricca e potente del mondo, ha dimenticato — anzi se ne infischia — che la Chiesa appartiene solo al suo Divino Fondatore, ovvero Cristo.

di Russell Show (25-02-2021)

redendo come mi capita di fare che la sinodalità racchiuda molte promesse per la Chiesa, ho osservato con crescente sgomento – condiviso con molti altri – come un intruglio tedesco chiamato “cammino sinodale” sia andato avanti erraticamente negli ultimi due anni. Ora, con un documento chiave di quella strana impresa in mano, concludo che questo particolare “percorso” è una strada a senso unico verso il disastro.

Come in molte altre chiese, i sinodi esistono nella Chiesa cattolica da molto tempo. I sinodi diocesani sono abbastanza comuni oggi. Dal Concilio Vaticano II, un sinodo dei vescovi fa parte della struttura vaticana, con un’assemblea prevista alla fine del prossimo anno sul tema della sinodalità. E Papa Francesco da qualche tempo parla dell’idea di una “Chiesa sinodale”.

Ma il cammino sinodale dei tedeschi è un’altra cosa. I difetti lampanti di questo progetto congiunto della conferenza episcopale tedesca e di un gruppo laico chiamato Comitato centrale dei cattolici tedeschi sono in piena mostra in un documento sul “potere” nella Chiesa che sembra rappresentare una fase semifinale del processo deliberativo.

Datato 22 gennaio di quest’anno e contrassegnato “solo per i membri dell’assemblea sinodale”, il documento di 38 pagine a spazio singolo porta i nomi del vescovo Franz-Josef Overbeck di Essen, che rappresenta la conferenza episcopale, e della dottoressa Claudia Luecking-Michel, vice presidente del Comitato dei cattolici tedeschi. Il vescovo Overbeck è riportato altrove che approva il matrimonio omosessuale e le donne prete. La dottoressa Luecking-Michel è un’attivista di lunga data della Chiesa e un ex membro del Parlamento tedesco, il Bundestag.

L’idea dominante del documento è che la Chiesa cattolica deve adottare le strutture e i processi della democrazia liberale secolare che opera attraverso una rete di sinodi e organi simili ai sinodi. Tutte le posizioni di leadership nella Chiesa, compresi vescovi e pastori, devono essere elettive e a tempo determinato. Le decisioni dei vescovi e dei pastori possono essere annullate dal voto della maggioranza. Il ruolo del papa nella selezione dei vescovi è semplicemente quello di confermare i risultati delle elezioni che li scelgono.

Il documento sostiene inoltre che la “pluralità” (di posizione, ndr) anche su “convinzioni fondamentali” è accettabile e persino desiderabile nella Chiesa. “Una pluralità di modi di pensare e di vivere e un multilinguismo culturale nella casa della Chiesa è legittimo e persino richiesto”, dice. E perché non ci siano dubbi: “la pluralità nelle questioni di verità e di dottrina è legittima”.

Ma non commettete errori: le differenze non potranno rallentare le “riforme”. E qui il documento cambia marcia, da permissivo ad autoritario: “La capacità di agire non deve essere messa a rischio bloccando il discorso…. Ci aspettiamo che le raccomandazioni e le decisioni adottate da una maggioranza siano sostenute anche da coloro che hanno votato diversamente…. Ci aspettiamo che tutti aiutino a promuovere la capacità dell’assemblea sinodale di agire”.

C’è di più – molto di più – inclusi pacchi di tediosa retorica, ma questo suggerisce il sapore del documento e rende chiaro dove il cammino sinodale è diretto: verso il tipo di pseudo-democrazia coercitiva molto favorita dagli ideologi progressisti.

Alcune strutture e procedure democratiche possono e devono trovare posto nella Chiesa. Nel dire questo, tuttavia, è essenziale ricordare che la Chiesa, per volontà del suo fondatore, non è una democrazia. Piuttosto, considerata nel suo aspetto istituzionale, è un corpo gerarchico con un’autorità magisteriale di insegnamento conferita al papa e ai vescovi in unione con lui.

Si dice che il Vaticano non sia contento del Cammino Sinodale. Non dovrebbe esserlo. Si può solo sperare che Roma dica un no secco prima che questa pazzia vada molto oltre.

(fonte: catholicworldreport.com; traduzione: sabinopaciolla.com)


Raccolta fondi straordinaria dal 19 al 26 febbraio 2021

Carissimi amici, visitatori e commentatori,

ci è giunta una richiesta d’aiuto economico da parte di una famiglia che deve far fronte ad alcune spese entro la fine del mese

Come sempre la nostra redazione ha dato quanto poteva, ma da sola non è sufficiente.

Vi chiediamo di aiutarci ad aiutare questa famiglia in difficoltà, o almeno di dire una preghiera affinché possa riuscire a far fronte alle spese in scadenza.

Vi ringraziamo per il vostro aiuto (sia materiale che spirituale) da parte di quella famiglia, anche da parte nostra, e vi ricordiamo che ogni giorno — in modo particolare la domenica — preghiamo per le intenzioni dei benefattori del nostro blog e di nostri amici e fratelli che domandano il nostro aiuto.

Che il Signore vi ricompensi 100 volte tanto in questa e nell’altra vita!

PS: Per chi volesse avere maggiori informazioni ci scriva qui.

Cliccare sull’immagine per le donazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...