La fede al tempo del Coronavirus/16

Carabinieri interrompono una Messa a Napoli; a Cremona fermato un fedele. Abusi di potere che i vescovi non denunciano. Eppure le chiese sono aperte e la preghiera è consentita. Il magistrato Rocchi: «Basta leggere la Direttiva del Viminale e comunicare che si esercita un diritto primario. Nessuna norma può autorizzare l’interruzione di una Messa, così è Stato di polizia». Ristabilire il diritto di culto: ecco perché l’autocertifcazione deve cambiare (Andrea Zambrano, Pregare in chiesa si può: il culto è uno stato di necessità, La Nuova BQ, 24-03-2020).

I vescovi del Portogallo e della Spagna stanno compiendo un atto salvifico epocale con la Consacrazione al Sacro Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria. Supplichiamo i nostri vescovi italiani di imitarli domani. Il Signore sta permettendo, nella sua infinita misericordia, che tocchiamo con mano la grande fragilità dell’uomo, della sua salute, dei suoi sistemi economici, delle sicurezze terrene. E lo sta facendo comprendere al mondo intero. Si tratta di un grande avvertimento, che sarebbe colpevole e foriero di conseguenze funeste non accogliere (Luisella Scrosati, Consacrazione, vescovi italiani: seguite il Portogallo, La Nuova BQ, 24-03-2020).

L’interdizione per i fedeli delle messa, feriale e domenicale, sta suscitando reazioni sempre più accorate – o indignate, a seconda del carattere – in molti fedeli. E sta provocando anche problemi di altro tipo: su Leggo troviamo che alcuni fedeli di Rocca Priora hanno chiesto al parroco non di celebrare messa, ma di dare la possibilità dell’Adorazione eucaristica. Sono entrati in chiesa da una porta laterale, mantenendo bene le distanze di sicurezza. Alcuni abitanti (siamo arrivati alle delazioni!) hanno avvisato i carabinieri ed è scattata la denuncia (Marco Tosatti, Appello ai vescovi per la Santa Messa: gridatelo dai tetti, Stilum Curiae, 24-03-2020).

Una riflessione di John L. Allen Jr. sull’infuocato dibattito che in queste due settimane di diffusione del coronavirus ha acceso gli animi sulla decisione dei vescovi di sospendere le messe o addirittura chiudere alcune chiese (Il Blog di Sabino Paciolla, 24-03-2020).

La carità al tempo del Coronavirus

Un pensiero riguardo “La fede al tempo del Coronavirus/16

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...