Caso Viganò, i bergogliosi danno la colpa a Benedetto XVI

Patetiche accuse dei “soliti noti” bergogliosi a Benedetto XVI, secondo loro il vero colpevole dello scandalo Viganò, quando invece, essendo stata resa pubblica e manipolata una sua lettera riservata e personale, egli è la vittima della vicenda che ne esce a testa alta.

di Marco Tosatti (23-03-2018)

Uno degli aspetti più irreali, e deformanti, dello scandalo Viganò riguarda il modo in cui i sostenitori senza se, senza ma e senza forse – e talvolta anche senza vergogna – di qualunque cosa venga compiuta dal Pontefice regnante e dai suoi esecutori trattano Benedetto XVI. Fra i tanti esempi fioriti in questi giorni ne prendo due a caso. Il primo riguarda Luigi Accattoli, e la sua intervista a Formiche.net.

Per brevità ricapitolo i fatti. La Libreria Editrice Vaticana decide di pubblicare undici libretti di altrettanti teologi sulla teologia di Francesco. Fra questi ce ne sono diversi di impostazione diversa da quella di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI; uno in particolare ha sempre agito attivamente contro il Magistero della Chiesa. Viganò, non si sa se di suo impulso o consigliato da Altri chiede a Benedetto (90 anni, tranquillo nel suo “monastero”) uno scritto “denso e conciso” sulla collana. Benedetto gli risponde – troppo cortesemente – di no; e si stupisce che a parlare del Magistero del papa ci sia chi questo Magistero contesta. La lettera è riservata, e personale. Quindi, per il mondo, è come se Benedetto non abbia emesso voce. Viganò decide di usarne quello che gli serve, censura, tarocca foto ecc. ecc.

Luigi Accattoli

Ora vediamo che quando ad Accattoli viene chiesto se Viganò non avrebbe dovuto “fare un’ammissione ulteriore di responsabilità”, risponde: “Non vedo perché avrebbe dovuto entrare in esplicite prosternazioni o argomentazioni di peccato. La situazione è già complicata, per via di una concatenazione di eventi sfuggita al controllo di Viganò, e forse mai del tutto controllata. Anche perché noi ignoriamo molte circostanze dell’iniziativa, dal chiedere un testo al papa emerito fino alla successiva gestione. Non era perciò prudente che dicesse altro, c’erano già di per sé molti imprevisti, e se lo avesse fatto sarebbe stato un peggioramento ulteriore del quadro”. E invece forse sì, eccome.

Anche se altri, non Accattoli, cercano di far passare Benedetto come protagonista, autore e attore dello scandalo; ne invece la vittima, a più riprese. Primo perché gli è stata fatta una richiesta che al minimo è improvvida, e se non provocatoria; poi perché è stata resa pubblica una sua risposta privata; terzo perché di questa lettera – privata, e sollecitata, non di sua iniziativa – è stato fatto un uso strumentale.

E nell’elenco degli “errori” c’è a nostro parere, un’omissione fondamentale: “Il primo è nell’aver coinvolto negli undici volumetti un teologo con un passato di conflitti col papa emerito: chiamare a sostegno di papa Francesco un uomo che è stato avversario del papa emerito certamente non è stata una buona cosa. Probabilmente non è stata una decisione di Viganò, sarà stata una scelta dei responsabili della pubblicazione, ma sicuramente è stato un errore. Poi lo è stato pubblicare una parte della lettera di Benedetto che suonava a sostegno di Francesco, e questa era una buona intenzione ovviamente, ma era solo una parte della lettera, e questo non è stato giusto e corretto. E infine il terzo errore, aspettare quattro giorni per pubblicare il testo integrale della lettera di Benedetto. Anche questo sicuramente involontario, nel senso che in quanto la lettera non era pubblica si voleva proteggere Ratzinger e non si voleva dare un’ulteriore ferita al Papa emerito. Però oggettivamente, essendoci il sospetto ormai su tutti i media che la lettera non fosse stata pubblicata per intero, questo ritardo nella pubblicazione è stato il terzo errore”.

Dopo il primo errore ce n’è stato un altro: quello di chiedere un contributo a un Papa, perché per quanto emerito papa è, a un lavoro che non appariva alla sua altezza né di papa né di teologo. La buona educazione è tutto, o dovrebbe esserlo, anche nella Chiesa. Qualcuno meno mite e gentile di Benedetto avrebbe potuto – a ragione – prenderlo per una forma di insulto, o di provocazione. Stupisce che questo aspetto sfugga a raffinati commentatori pro-Bergoglio.

Secondo caso esemplare. Ma su questo lasciamo la parola a Luis Badilla, il responsabile de Il Sismografo. Non sempre ci troviamo d’accordo con Luis Badilla (che infatti non ci vuole molto bene…) ma in questo caso non si può non applaudire.

Alberto Melloni

Ecco quello che scrive Badilla a proposito di Alberto Melloni: «Oggi alle 18.21, su RaiNews24, il prof. Alberto Melloni invitato a fare un commento sulla vicenda di mons. Dario Viganò, in particolare sulla rinuncia, dovendo attaccare comunque Benedetto XVI – è una sua specialità – e come ha già fatto oggi su ‘La Repubblica’ in un video e poi in un articolo, ha detto che Joseph Ratzinger nella sua lettera all’ex Prefetto per la comunicazione chiede di “silenziare” (“vengano silenziati”) i teologi suoi critici, in particolare il professore tedesco Peter Hünermann. Ciò che ha detto A. Melloni è falso. Nella sua lettera Benedetto XVI scrive testualmente: “Solo a margine vorrei annotare la mia sorpresa per il fatto che tra gli autori figuri anche il professore Hünermann, che durante il mio pontificato si è messo in luce per aver capeggiato iniziative anti-papali. Egli partecipò in misura rilevante al rilascio della ‘Kölner Erklärung’, che, in relazione all’enciclica ‘Veritatis splendor’, attaccò in modo virulento l’autorità magisteriale del Papa specialmente su questioni di teologia morale. Anche la ‘Europäische Theolongesellschaft’, che egli fondò, inizialmente da lui fu pensata come un’organizzazione in opposizione al magistero papale. In seguito, il sentire ecclesiale di molti teologi ha impedito questo orientamento, rendendo quell’organizzazione un normale strumento di incontro fra teologi. Sono certo che avrà comprensione per il mio diniego e La saluto cordialmente”. Come si può vedere non vi è nessuna richiesta di censura e in nessun momento si dice “vengano silenziati”. Allora perché attribuire al Papa emerito ciò che non ha detto e neanche scritto? Perché? E poi per difendere Papa Francesco non occorre fabbricare bugie. Il Prof. Melloni ha concluso ricordando quanto detto da Papa Francesco alla Curia il 21 dicembre scorso: “Parlando della riforma mi viene in mente l’espressione simpatica e significativa di Mons. Frederic-François-Xavier De Merode: ‘Fare le riforme a Roma è come pulire la Sfinge d’Egitto con uno spazzolino da denti’”. Ecco la chiosa finale del prof. Melloni che ha definito tutta la vicenda “oscura e scivolosa”. “Forse mons. Viganò ha voluto pulire i denti della Sfinge troppo da vicino”».

Non avremmo voluto tornare su questo scandalo, il cui aspetto più inquietante consiste nella mancata ammissione di una qualsiasi responsabilità da parte del protagonista e nell’avallo a questa lettura di cui da il Pontefice. Basta rileggere le due lettere – dimissioni e nomina ad Assessore – per rendersene conto. Ma il tentativo di cercare e trovare responsabilità di Benedetto sta assumendo contorni così canaglieschi da impedire di passare ad altro.

(fonte: marcotosatti.com)

Un pensiero riguardo “Caso Viganò, i bergogliosi danno la colpa a Benedetto XVI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...