E il Vaticano divenne la capitale dei marxisti sudamericani…

Il Vaticano ospita il terzo Incontro Mondiale dei Movimenti Popolari. Chi sono? Evo Morales ha un ruolo da protagonista. Uno dei pilastri degli incontri è Juan Grabois, militante marxista dichiarato. E c’è João Pedro Stédile leader dei Sin Tierra brasiliani. Non si può rinunciare alla difesa dei poveri, ma che c’entra questa strumentalizzazione politica?

di Marinellys Tremamunno (05-11-2016)

Dallo scorso mercoledì 2 novembre, il Vaticano ospita il terzo Incontro Mondiale dei Movimenti Popolari. Oltre 170 delegati di 65 paesi del mondo si sono riuniti a Roma per dialogare sul diritto alla terra, alla casa e al lavoro. L’obiettivo? “Dare ai poveri, ai movimenti di base, la possibilità di conoscersi e dialogare, per divenire essi stessi protagonisti di quel cambiamento che tutti auspichiamo”, secondo quanto ha detto il cardinale Peter Turkson, presidente del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, durante l’apertura dell’incontro.

“Papa Francesco ha detto di voler piantare la bandiera dei movimenti popolari in Vaticano”, ha affermato Turkson. Ma cosa significa? A prima vista sembra una bella idea di integrazione, molto allineata con l’invito del pontefice di creare una Chiesa che guardi alle periferie. Invece bisogna approfondire e guardare oltre le parole. Soprattutto quando si tratta di un evento a sfondo più politico che pastorale.

juan-grabois-franciscoNon a caso, Juan Grabois (nella foto abbraccia papa Francesco), uno dei pilastri degli incontri, ha dato istruzioni ai delegati partecipanti di non parlare con i giornalisti, perché “manipolano le cose che diciamo”, come si può vedere nel video fatto in diretta su Facebook. Dimmi chi sono i tuoi amici e ti dirò chi sei. Juan Grabois è un avvocato argentino, co-fondatore del Movimento dei Lavoratori Esclusi e della Confederazione di Lavoratori dell’Economia Popolare (CTEP) in Argentina. Uomo di fiducia di Jorge Mario Bergoglio, da quando era arcivescovo di Buenos Aires; poi a Roma il Santo Padre gli ha affidato l’organizzazione degli incontri dei movimenti popolari. E da giugno è diventato consulente di Giustizia e Pace del Vaticano.

Juan Grabois è dichiaratamente un militante marxista. “Non nasconde la sua ammirazione per la rivoluzione russa del 1917 e Vladimir Lenin”, si legge in un articolo di Pedro Maria Gomez sul blog elquijotesiglo21.blogspot.it, aggiungendo che il consulente vaticano è anche un grande ammiratore di Hugo Chávez: “Grabois sogna l’utopia di grandi cambiamenti sociali, ribellioni e di governi popolari, in stile cubano e venezuelano”. Infatti i testi scritti proprio da Grabois confermano il suo amore per il socialismo del XXI secolo. Basta dare uno sguardo alla serie di libri che ha scritto assieme a Emilio Persico, segretario di agricoltura famigliare del governo di Cristina Fernandez Kirchner per confermare il suo orientamento politico. Ma non solo, in rete gira una sua foto che lo ritrae con la maglietta del “Che” e, in mano, una tazza con l’immagine di Papa Francesco.

29_10_2014__o-papa-francisco-recebe-o-marxista-joao-pedro-stedileNel comitato organizzativo c’è anche João Pedro Stédile (nella foto mentre saluta papa Francesco), leader del movimento brasiliano MST (Movimento dei lavoratori rurali senza terra). Un altro combattente di ideologia marxista che è arrivato fino al Venezuela l’anno scorso a dare il suo appoggio al regime di Nicolas Maduro: “Siamo venuti qui per dire che ogni volta che abbiamo dubbi ci rivolgiamo al pensiero, all’esempio del comandante Chávez… Siamo venuti qui per arricchirci dei pensieri e degli ideali del comandante”, ha detto durante l’atto di commemorazione del secondo anno di morte dell’ex presidente del paese sudamericano.

imagen-josemujica4Abbiamo visto Evo Morales attivo partecipe nei primi due incontri. Durante il primo, sarebbe da ricordare la polemica visita del presidente della Bolivia a Santa Marta nell’ottobre del 2014, poiché non è stata organizzata tramite i canali diplomatici abituali, e hanno tentato di mantenere sotto profilo la sua presenza a Roma. E rimarrà per la storia la foto dell’evento del secondo incontro fatto in Bolivia lo scorso 2015: il Papa era sorridente accanto di Evo Morales, chi portava una giacca con l’immagine del “Che Guevara” e il pugno chiuso in alto. E quest’anno, è stata la volta di “Pepe Mujica” (nella foto con papa Francesco), ex guerrigliero, ex presidente dell’Uruguay, molto amato dalla sinistra europea.

“Le ideologie sempre finiscono in dittatura”, ha detto Papa Francesco in Paraguay, durante il suo viaggio in Sudamerica. Oggi invece in Vaticano viene accolto un evento di chiara impronta ideologica. È vero, la Chiesa non può rinunziare alla carità e alla difesa dei più poveri, ma lasciando da parte ogni strumentalizzazione politica.

(fonte: lanuovabq.it)

Annunci

3 thoughts on “E il Vaticano divenne la capitale dei marxisti sudamericani…

  1. Ma che meraviglia…
    I poveri utilizzati come tram per far entrare di sottobanco in Vaticano dei marxisti-leninisti in salsa cocalera.
    E, come da collaudata triennale tradizione, con tanto di proclama che formula l’esatta diagnosi del problema (“Le ideologie sempre finiscono in dittatura”) ma – e te pareva! – scagliandone la responsabilità addosso agli altri.

    Mi piace

  2. Tanto per confermare, se mai fosse necessario, che Morale sapeva perfettamente quel che faceva col suo crocifisso “falce e martello”.

    Giorni duri, durissimi. Giorni di di dolore e smarrimento. E la consapevolezza di un orrendo sentimento, misto di rabbia e sconforto, che si impadronisce inesorabilmente della tua anima.

    Mi piace

  3. E vogliamo dire una parola della foto dell’abbraccio fra papa Bergoglio e Juan Grabois?
    Imbarazzante e inguardabile, o quanto meno molto impropria.
    Però se la tengano buona, perché potrebbe essere molto apprezzata dai movimenti gay-friendly (purtroppo ce ne sono altre, peggiori, in giro – evidentemente censurate dagli addetti stampa vaticani, sempre ovviamente che siano autentiche – e pubblicate da siti di religione ortodossa con commenti molto duri).

    Il tutto mentre in diverse parrocchie – difficile quantificare – sempre più prende piede, nelle omelie, il genere “arrampicata sui vetri” e “annacquamento a mille della Parola di Nostro Signore”…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...