Se la barzellette piacciono solo perché a ridere è il Papa

Il video di Bergoglio che se la ride per la barzelletta di cattivo gusto del primate anglicano.

di Camillo Langone (07-10-2016)

C’erano una volta gli scherzi da prete. Adesso che c’è la crisi delle vocazioni sono arrivate le barzellette da papa. Ieri l’arcivescovo di Canterbury, nella solenne biblioteca del palazzo apostolico, ne ha raccontata una al Santo Padre: «Sai qual è la differenza tra un liturgista e un terrorista? Con il terrorista si può trattare!». E Papa Francesco si è sbellicato dal ridere, trascinando tutti i presenti.

Guardando il clippino astutamente diffuso dalla sala stampa del Vaticano ho riso anch’io, magari con più moderazione (non sono un sudamericano, sono un europeo di sangue freddo). Non so quanto possano aver riso coloro che di liturgia non si interessano, ossia le persone normali: l’argomento è tecnico, tecnicissimo, e solo chi conosce la divisione del clero sui modi di celebrare la messa, da una parte i conservatori, dall’altra i modernisti, due fazioni nemiche e impermeabili, può cogliere il valore della freddura. Ma non è questo l’importante, l’importante è che in Vaticano si rida. Ancora più significativo è che questo clima ridanciano venga universalmente apprezzato. Io, europeo di sangue troppo freddo e conservatore non solo in campo liturgico, non ritengo indispensabile che il sommo pontefice si mostri alla mano, anzi, ma alla grande maggioranza dei cattolici un simile atteggiamento piace e allora va bene così.

Ma ho il sospetto che molti odierni simpatizzanti del Papa faceto ieri fossero gli antipatizzanti del Cavaliere spiritoso. Sappiamo tutti il ruolo che Silvio Berlusconi ha sempre assegnato alla barzelletta e sappiamo quante critiche gli sono state scaraventate addosso per aver sciolto con innocue storielle le tensioni delle riunioni politiche. Adesso invece sulle barzellette nessuno ha più da ridire, nemmeno se raccontate negli ambienti più aulici e mistici. Buono a sapersi: Berlusconi ha fatto scuola.

(fonte: ilgiornale.it)

Annunci

Un pensiero riguardo “Se la barzellette piacciono solo perché a ridere è il Papa

  1. La spina nel fianco di Bergoglio, e dei suoi accoliti, non sono i terroristi, gli atei, i bestemmiatori, l’apostasìa, ma unicamente i cattolici liturgici, quelli che osservano fedelmente la Parola di Dio (immutabile)…In nessun’altra religione il Sommo Capo ha così tanto disprezzo per la Dottrina della propria Fede…Come abbiamo fatto ad arrivare a questo punto?!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...