Stravolgono Pio XI per giustificare Kasper

L’obiettivo è giustificare la comunione ai divorziati risposati in vista del prossimo Sinodo sulla famiglia. Come fare? Dimostrando che anche nel recente passato la dottrina è “evoluta” così che quello che prima era proibito poi è stato ammesso. Ed ecco allora che Vatican Insider, con un articolo del solito Andrea Tornielli, e il quotidiano della CEI, Avvenire, con un articolo dell’ex prete Gianni Gennari, sostengono che l’enciclica Casti Connubii di Pio XI del 1931 vieti quei metodi naturali che verranno invece promossi da Pio XII ed esaltati da Paolo VI. Peccato che sia una palese menzogna.

Pio XI condannò i metodi naturali? Falso

di Giorgio Carbone (18/12/2014)

L’uso dei cosiddetti metodi naturali è condannato da Pio XI nella Casti connubi: ho letto questo e sono sobbalzato. Ripeto testualmente le parole lette in un articolo di Vatican Insider e attribuite a Gianni Gennari (clicca qui): «Fino al 1951 anche il solo pensiero di usare i metodi detti naturali era considerato colpa grave, peccato mortale. Nel 1931 la Casti Connubii di Pio XI era decisiva e netta: nessun metodo, e per nessuna ragione, anche quelli detti naturali!… Negli anni successivi ci fu anche nella Chiesa discussione accesa sui progestinici e dintorni e nel 1951, quando volle commemorare il ventesimo anniversario della Casti Connubii, Pio XII aveva intenzione di ripetere la condanna totale di qualsiasi metodo».

Papa Pio XI e il cardinale Eugenio Pacelli.
Papa Pio XI e il cardinale Eugenio Pacelli.

Il mio primo sobbalzo è motivato immediatamente: come è possibile che nel 1931 Pio XI abbia condannato i cosiddetti metodi naturali quando questi sono stati messi a punto molti anni dopo? Infatti la conoscenza dei giorni non fertili della donna e dei fattori che determinano la ciclicità del processo di maturazione degli ovociti è successiva al 1931. Quelli che abitualmente chiamiamo “metodi naturali” si fondano tutti sulla conoscenza della fisiologia umana femminile. Forse l’espressione “metodi naturali” non è il massimo della chiarezza perché induce alcuni a pensare che siano una semplice tecnica e quindi poi è difficile cogliere la differenza sostanziale tra questi e le tecniche della contraccezione e della sterilizzazione.

Ma il secondo sobbalzo è ancor più motivato. Sono andato a rileggere la Casti connubi (n. 2) e ho trovato: «Ma per venire ormai, Venerabili Fratelli, a trattare dei singoli punti che si oppongono ai diversi beni del matrimonio, il primo riguarda la prole, che molti osano chiamare molesto peso del connubio e affermano doversi studiosamente evitare dai coniugi, non già con l’onesta continenza, permessa anche nel matrimonio, quando l’uno e l’altro coniuge vi consentano, ma viziando l’atto naturale». Dunque Pio XI insegna – come la grande tradizione della Chiesa – che esiste una onesta continenza deliberata concordemente tra i coniugi, in ragione di tale continenza i coniugi si astengono dai rapporti coniugali. Tale astensione consensuale è un atto virtuoso, perché i rapporti coniugali non sono sempre obbligatori e quindi tale astensione consensuale non vizia il matrimonio.

Poi Pio XI prosegue: «Non vi può esser ragione alcuna, sia pur gravissima, che valga a rendere conforme a natura ed onesto ciò che è intrinsecamente contro natura. E poiché l’atto del coniugio è, di sua propria natura, diretto alla generazione della prole, coloro che nell’usarne lo rendono studiosamente incapace di questo effetto, operano contro natura, e compiono un’azione turpe e intrinsecamente disonesta».

Qui Pio XI non si riferisce all’astinenza consensuale, ma parla di quei coniugi che usando del matrimonio, cioè avendo rapporti coniugali, si adoperano per rendere tali rapporti non aperti alla possibilità di procreare un figlio: hanno rapporti coniugali ma usano strumenti contraccettivi o abortivi e così viziano l’atto coniugale, che di sua natura sarebbe onesto. Infatti, la Casti connubi è il documento ufficiale con cui il Papa reagisce alla decisione della Comunione anglicana di consentire la contraccezione. A questo proposito si legga l’interessante saggio del professor Renzo Puccetti, I veleni della contraccezione (Edizioni Studio Domenicano, 2012), che ricostruisce con perizia gli antefatti e anche le conseguenze sociali e ecclesiali.

«Pertanto, essendovi alcuni [si tratta degli anglicani, ndr] che, abbandonando manifestamente la cristiana dottrina, insegnata fin dalle origini, né mai modificata, hanno ai giorni nostri, in questa materia, preteso pubblicamente proclamarne un’altra, la Chiesa Cattolica, cui lo stesso Dio affidò il mandato di insegnare e difendere la purità e la onestà dei costumi, considerando l’esistenza di tanta corruttela di costumi, al fine di preservare la castità del consorzio nuziale da tanta turpitudine, proclama altamente, per mezzo della Nostra parola, in segno della sua divina missione, e nuovamente sentenzia che qualsivoglia uso del matrimonio, in cui per la umana malizia l’atto sia destituito della sua naturale virtù procreatrice, va contro la legge di Dio e della natura, e che coloro che osino commettere tali azioni, si rendono rei di colpa grave».

Ma nella Casti connubi è scritto il contrario di quanto mi ha fatto sobbalzare. Leggi un po’: «Né si può dire che operino contro l’ordine di natura quei coniugi che usano del loro diritto nel modo debito e naturale, anche se per cause naturali, sia di tempo, sia di altre difettose circostanze, non ne possa nascere una nuova vita. Infatti, sia nello stesso matrimonio, sia nell’uso del diritto matrimoniale, sono contenuti anche fini secondari, come il mutuo aiuto e l’affetto vicendevole da fomentare e la quiete della concupiscenza, fini che ai coniugi non è proibito di volere, purché sia sempre rispettata la natura intrinseca dell’atto e, per conseguenza, la sua subordinazione al fine principale».

Quindi la proposizione: «L’uso dei cosiddetti metodi naturali è condannato da Pio XI» è falsa.

È vero il contrario. Pio XI e la grande tradizione della Chiesa – che è continuata con Paolo VI con Humane Vitae e Giovanni Paolo II con Familiaris Consortio solo per citare due documenti – insegna che i coniugi sono chiamati a vivere nella continenza. Questa è la virtù, la forza interiore che dà ai coniugi la disposizione stabile a scegliere con felicità e facilità quando vivere i rapporti coniugali. I rapporti coniugali sono onesti e belli perché segno fisico-corporeo dell’amore totale e vicendevole. Quando i coniugi scelgono liberamente di compierli, li devono compiere bene sotto tutti gli aspetti (infatti l’atto umano per essere virtuoso richiede che sia buono sotto tutti gli aspetti): cioè sono chiamati a esprimere l’amore totale, esclusivo e senza riserve e quindi sono chiamati a essere aperti alla generazione. Ma i rapporti coniugali non sono sempre obbligatori: infatti i coniugi possono concordemente scegliere di astenersi da essi e tale astensione, se compiuta per motivi seri e nobili, è un atto della virtù della continenza.

Se Pio XI avesse condannato l’uso dei “metodi naturali”, Paolo VI non avrebbe potuto dichiararli leciti nell’Humanae Vitae. La tradizione dottrinale della Chiesa è una realtà vivente e come tutti i viventi nel suo sviluppo non compie salti di qualità, ma conservando la propria identità sostanziale ci aiuta a vivere nella storia la fedeltà a Cristo Signore e Maestro.

****

Sulla contraccezione nessun cambiamento

di Renzo Puccetti (18-12-2014)

Nel recente articolo apparso su Vatican Insider a firma del vaticanista Andrea Tornielli Sinodo, riforme e teologia credente, l’autore ha commentato le parole di papa Francesco sul Sinodo straordinario sulla famiglia da poco conclusosi attingendo al pensiero del sedicente teologo Gianni Gennari, secondo il quale sarebbe assai azzardato dogmatizzare la dottrina della Chiesa in materia di sessualità e matrimonio. Papa Pio XII avrebbe infatti cambiato la dottrina di Pio XI ammettendo i metodi naturali di regolazione della fertilità e Papa San Giovanni Paolo II avrebbe superato quanto insegnato dal Concilio di Trento e dal magistero di Pio XII circa la valenza della verginità e del matrimonio. Lascio che altri, ben più competenti di me, rispondano ad una lettura che mi pare alquanto fuorviante su questo secondo punto. Mi limiterò a svolgere qualche riflessione riguardo al primo aspetto, quello sulla contraccezione, su cui credo di potere dare un qualche contributo. Stupisce che uno studioso capace di coniugare la conoscenza teoretica teologico-morale in materia sessuale ad un certo bagaglio esperenziale, sia così disattento nella ricostruzione storica, così da favorire la diffusione di paragoni quantomeno arditi.

Nell’enciclica di Pio XI Casti connubii del 31 dicembre 1930 il Papa rispose a stretto giro agli anglicani che nello stesso anno ruppero la dottrina cristiana sulla contraccezione. Il Papa in quel suo insegnamento contrappose le pratiche che viziano l’atto naturale alla «onesta continenza» permessa anche nel matrimonio, quando mutualmente accettata dai coniugi. Quando Papà Pacelli si rivolse alle ostetriche il 21 ottobre 1951 accolse e ribadì espressamente la dottrina di Casti Connubii: «Il nostro Predecessore Pio XI di felice memoria nella sua Enciclica Casti Connubii del 31 dicembre 1930 proclamò di nuovo solennemente la legge fondamentale dell’atto e dei rapporti coniugali: che ogni attentato dei coniugi nel compimento dell’atto coniugale o nello sviluppo delle sue conseguenze naturali, attentato avente per scopo di privarlo della forza ad esso inerente e di impedire la procreazione di una nuova vita, è immorale; e che nessuna «indicazione» o necessità può mutare un’azione intrinsecamente immorale in un atto morale e lecito».

In quel discorso Pio XII, nell’ammettere i metodi di regolazione naturale della fertilità, in realtà non introdusse alcun mutamento di dottrina dal momento che l’impiego dei metodi naturali finalizzato ad una paternità responsabile in niente si differenzia dalla continenza periodica approvata da Pio XI nel 1930, ribadita dal vescovo Francis Noll nel 1938, anticipata dal vescovo Curley nel 1923, dalla Sacra Penitenzeria in una risposta al vescovo di Amiens nel 1853 e nei decreti del 1880 e del 1932. La medesima dottrina ha nei teologi domenicani Domingo De Soto e Pedro De Ledesma (XVI secolo) e in Piero da Palude (XIV secolo) esponenti che la ammettevano rispettivamente in caso di prole numerosa e povertà.

Papa Paolo VI e il cardinale Karol Wojtyla.
Papa Paolo VI e il cardinale Karol Wojtyla.

Che Papa Pio XII avesse contraddetto la dottrina precedente non è peraltro un’idea originale di Gennari, ma accomuna il mondo dei teologi favorevoli alla liceità della contraccezione. Negli anni che precedettero l’enciclica Humanae vitae del beato papa Paolo VI, il canonico belga Pierre De Locht se ne faceva promotore; successivamente egli sarebbe passato a sostenere la legalizzazione dell’aborto, l’ordinazione degli uomini sposati e delle donne e contestare la dichiarazione Dominus Jesus. In quegli anni anche il decreto conciliare sulla libertà religiosa veniva assunto come esempio di cambiamento della dottrina per giustificare la possibilità di mutare l’insegnamento sulla contraccezione. È uno schema di gioco già visto: secondo la descrizione del cardinale Ratzinger si pronuncia aggiornamento, ma si scrive adattamento.

E quanto sostenuto nell’articolo in questione sembra proprio l’aver imboccato la strada di un promettente vento di adattamento teologico che spinge le particole consacrate dal calice verso le bocche risposate. Ad un’iniziale cautela nel presentarlo come semplice sviluppo di una dottrina invariata, parrebbe ora fare seguito un certo cambio di rotta rappresentato dall’annuncio che in ambito di sessualità e di matrimonio negare la possibilità di mutamento della dottrina in vista del prossimo sinodo sarebbe una sorta d’imprudente chiusura.

Apprezzo la sincerità. Come si potesse dare la comunione ai divorziati risposati e al contempo affermare che si è rimasti fedeli al giudizio di Gesù sul ripudio del coniuge, al Suo comando all’adultera, al significato dell’assoluzione dai peccati e all’ammonimento di San Paolo a non mangiare indegnamente del Corpo del Signore, era divenuto un rebus per me insolubile. Certo, avrei sempre potuto cedere alla tentazione di cavarmela considerandolo uno sviluppo vitale con cui lo Spirito Santo ci introduce alla verità tutta intera in analogia alla proclamazione del dogma dell’Assunta, ma devo confessare che il solo pensarlo mi farebbe sentire non molto diverso da un cameriere che servisse del vomito chiamandolo un aggiornamento dell’insalata russa.

A poco a poco però la bruma sembra dissolversi. Venerdì 17 ottobre il cardinale Marx ha dichiarato: «Dire che la dottrina non cambierà mai è una visione restrittiva delle cose». L’affermazione è talmente significativa da essere già inclusa nel profilo Wikipedia dell’autore. Confesso di non essere appassionato dalla questione attorno ai nomi, sviluppo anziché mutamento della dottrina. Il fatto rimane: ciò che era male, domani lo si chiamerebbe bene e ciò che si diceva vero cesserebbe di esserlo.

Non stiamo parlando di quisquilie, ma di un principio che è costato uno scisma e la testa di tanti martiri, a partire da quel Giovanni Battista che forse oggi qualcuno considererebbe pastoralmente assai insensibile e incapace di cogliere il buono in ogni situazione con quella sua ostinata e pubblica accusa rivolta al compagno di una signora semplicemente vittima di un naufragio matrimoniale. Se in materia di sessualità, come sostiene Gennari, non vi è alcunché di dogmaticamente certo, parrebbe doversi ammettere, almeno in via teorica, che ogni insegnamento morale potrebbe essere rivisto, compresa la condanna per chi scandalizza i più piccoli. E perché poi ci si dovrebbe limitare all’ambito della morale? Non potrebbe un domani subire la medesima rielaborazione teologica lo stesso primato conferito a Pietro? Attraverso un approccio nominalistico ogni contraddizione della dottrina potrebbe essere dichiarata un semplice sviluppo. E tuttavia i fatti rimarrebbero.

Timori ingiustificati? Ho fiducia che sia così. Carenza di fede nello Spirito Santo? Spero di no. Mi conforta che nel decidere sulla contraccezione un pontefice dichiarato beato dalla Chiesa, che avrebbe ricevuto gloria e onori se solo si fosse piegato a quanto il mondo gli chiedeva e buona parte di episcopato e laicato gli suggeriva, nel decidere abbia espresso ben prima e meglio di me considerazioni analoghe. Rivolgendosi all’amico Jean Guitton il beato Paolo VI disse: «Un’attenuazione della legge avrebbe per effetto di rimettere in questione la morale, e soprattutto di dimostrare la fallibilità della Chiesa, […] tutto l’edificio della morale verrebbe dissolto, e dopo l’edificio della morale verrebbe scosso l’edificio della fede». Sfido chiunque a sostenere che Paolo VI non avesse fiducia nello Spirito Santo, ma è proprio resistendo alle istanze del mondo e rimanendo fedele alle parole del Signore che egli dimostrò la vera fede nello Spirito che guida la Chiesa. Il beato Paolo VI sapeva che tutto si tiene, tout se tient.

FONTE: lanuovabq.it

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...